Home page

Amministrazione Trasparente

Amministrazione Trasparente

Albo Pretorio Online

Albo Pretorio Online

Area inclusione

Area inclusione

Link Utili

Registro elettronico Nuvola

MIUR

Servizi offerti alle Pubbliche Amministrazioni

Ufficio scolastico regionale per la Lombardia

USR Lombardia Ufficio XI Brescia

Il portale dell'orientamento al secondo grado e al post diploma

La bussola della trasparenza

La bussola della trasparenza
Alunni

BattistiNews

 

All’ ITS Cesare Battisti di Salò, nasce l’ Ufficio Stampa fatto dagli studenti.

facebook1


“BattistiNews”, redattori tra i banchi

redazione-battisti-newsNasce “BattistiNews”. Si è costituito nei giorni scorsi presso l’ ITS Cesare Battisti (Via IV Novembre, 11-25087- Salò). L’iniziativa ha come obiettivo la raccolta e la diffusione di notizie riguardanti la scuola. Al lavoro un gruppo di studenti che operano nell’ambito di un laboratorio extracurriculare sulla base di un progetto elaborato dalla scuola stessa.
BattistiNews funziona come un vero e proprio “ufficio stampa” con settori operativi diversi (segreteria, scrittura, social, grafica, foto/video). Da questo momento BattistiNews è quindi a disposizione degli operatori dell’informazione che vogliano dare rilievo alla nostra scuola. Nel futuro BattistiNews diffonderà segnalazioni e notizie relative a eventi, iniziative, progetti e personaggi riguardanti l’ITS Cesare Battisti di Salò.

Per info e suggerimenti è possibile contattarci:
email: battistinews2015@gmail.com
redazione: 338 8458053

Lascia qui il tuo commento

 


ANNO SCOLASTICO 2016/2017

 

facebook1


Una campionessa tra di noi

Lara Bresciani, allieva della palestra Aishin Dojo di Gavardo, è una studentessa del nostro istituto e frequenta la classe 1^D turistico. Lara ha partecipato lo scorso 8-9 aprile ai Campionati Italiani di Karate Shotokan della categoria Ragazzi, guadagnando la MEDAGLIA D’ORO e lo SCUDETTO TRICOLORE della Federazione nella specialità del Kata individuale, forma di combattimento immaginario contro più avversari mediante tecniche codificate.

Si è classificata terza anche nel Kumite individuale (combattimento libero).

Grandi risultati quelli ottenuti grazie a impegno costante e ad enormi sacrifici, ma soprattutto, alla sua grande passione.

RISULTATI GARE ANNO AGONISTICO OTTOBRE 2016 – MAGGIO 2017

Trofeo Liscate (MI) 11/12/2016:

  • 3^ classificata Kata individuale categoria Ragazzi 13-14 anni cinture marroni

Memorial Rampinelli Danielangelo – Urgnano (BG) 22/01/2017:

  • 2^ classificata Kata individuale categoria Ragazzi 13-14 anni cinture marroni

Trofeo di Carnevale – Brignano d’Adda (BG) 27/02/2017:

  • 2^ classificata Kata individuale categoria Cadetti 14-17 anni cinture marroni/nere
  • 3^ classificata Kumite individuale categoria Cadetti 14-15 anni -50 kg cinture marroni/nere

– Campionato Regionale 01-02/04/2017 Caronno Pertusella (VA):

  • 1^ classificata Kata individuale categoria Ragazzi 13-14 anni cinture nere
  • 2^ classificata Kata individuale categoria Ragazzi 13-14 anni cinture marroni

– Campionato Italiano Ragazzi (fino 14 anni) 08-09/04/2017 Montecatini Terme (PT):

  • 1^ classificata Kata individuale categoria Ragazzi 13-14 anni cinture marroni
  • 3^ classificata Kumite individuale categoria Ragazzi 13-14 anni -50 kg cinture blu/marroni/nere

– Campionato Italiano Agonisti (dai 15 anni) 20-21/05/2017 Terni:

  • 3^classificata Kata individuale categoria Cadetti 15-17 anni cinture marroni

I suoi compagni di classe l’hanno intervistata:

Alessia: Lara, quando ti sei avvicinata a questo sport?

Lara: Nel febbraio del 2009. Avevo 6 anni.

Alessandra: Che cosa ti ha spinto verso questo sport?

Lara: Voglio essere sincera. Ho visto dei  film di Bruce Lee e mi sono appassionata. Così ho iniziato a seguire il Karate.

Leye: Hai avuto paura nei primi allenamenti? Ti sei sentita in difficoltà?

Lara: Sì, mi sono sentita smarrita e fragile.

Alessandra: Quando hai capito di essere forte e capace?

Lara: Un paio di anni fa, quando, durante gli allenamenti, spesso riuscivo a battere i miei compagni e così ho acquistato sicurezza. Sono riuscita a capirlo quando anche eseguendo una sola tecnica sentivo la potenza e la precisione di essa, mi rendevo conto che era eseguita nel modo corretto.

Leye: Come sono i rapporti tra voi compagni di squadra?

Lara: Collaboriamo e  ci rispettiamo. A volte usciamo insieme, siamo un gruppo molto unito.

Alessia: Quali sono i sacrifici maggiori?

Lara: In primo piano direi i costi economici, poi vincere la stanchezza degli allenamenti che si s svolgono in tarda serata. La mancanza di tempo che mi costringe ad una rigida organizzazione della mia giornata: non sempre ho la possibilità di dedicarmi agli amici o a qualche hobby.  Ma la mia passione per questo sport è incontenibile: appena indosso il kimono passa tutto, mi sento nel posto giusto!

Edoardo: Che cosa si prova dopo una vittoria?

Lara: Medaglia d’oro e scudetto tricolore sono traguardi decisamente importanti. L’emozione è indescrivibile.

Lascia qui il tuo commento

 

facebook1

 


Vallio Terme ospite dell’Istituto Battisti di Salò.

Il piccolo comune della Vallesabbia e il suo sindaco Floriano Massardi hanno preso parte al corso di marketing del territorio proposto all’interno della scuola. Il primo cittadino ha spiegato agli studenti il suo programma per rilanciare il territorio del suo piccolo comune.

 

Massardi ha pensato, attraverso un video girato nel paese, di promuovere il turismo puntando sulle caratteristiche uniche che lo differenziano.

Sono state riscoperte e riportate alla luce ben 28 sorgenti d’acqua, collegandole tra loro tramite dei sentieri, presentando tabelloni che ne spiegano il nominativo, indicano zone sentieristiche, flora e fauna presenti nell’ area.

Grazie ad un progetto realizzato in collaborazione con l’Università di Padova, sono emerse nuove notizie storiche: la presenza di 4 castelli, antichi edifici e sentieri, coltivazioni di un tempo, nomi antichi del luogo e la scoperta di 1000 toponimi.

Si è pensato di puntare, oltre che sull’ acqua, sulla ricca natura della zona con il ripristino dei sentieri montani che collegheranno i comune con le valli confinanti e con la fondazione del “Didattico Ere”, un laboratorio che permetterà agli interessati di conoscere le numerosissime specie di flora e fauna che rendono unico questo territorio.

Sono previsti anche la costruzione di un centro sportivo composto da campi di calcio, tennis, pallavolo e bocce, con la speranza di attirare gli interessati dei comuni limitrofi.

Il comune si propone di rilanciare turismo ed escursioni ottenendo così il rilancio economico del paese, puntando sui progetti futuri, ma anche su quelli del passato come le terme e i numerosi eventi culturali organizzati durante l’anno.

Info: http://www.comune.vallioterme.bs.it/

Samira Louki-Gaia Poinelli

Per info e suggerimenti è possibile contattarci:

E-mail: battistinews2015@gmail.com
Redazione: 3388458053
Facebook: BattistiNews
Per contattare l’Istituto: 0365/41213


 

 

 


facebook1

Il Museo Civico Archeologico della Valtenesi di Manerba del Garda

vetrina Riparo Valtenesi_122Intervista di Samira e Gaia alla dott.ssa Brunella Portulano, direttrice del Museo Civico Archeologico della Valtenesi  di Manerba del Garda e del Parco Narturale della Rocca e del Sasso.

Il Museo Civico Archeologico della Valtenesi, nella sua sede espositiva all’interno della Riserva Naturale della Rocca e del Sasso di Manerba del Garda, con annesso Parco Lacuale, costituisce anche il centro di accoglienza e di prima informazione per i visitatori del territorio.

Samira e Gaia: Quali si sono stati i  criteri seguiti per l’allestimento interno del Museo?

Dott.ssa Brunella Portulano:  L’allestimento della sezione archeologica, al piano terra, segue un criterio topografico e cronologico, nel quale la sequenza delle vicende susseguitesi nel territorio viene percorsa attraverso le informazioni fornite dai materiali rinvenuti nei singoli contesti insediativi illustrati.

Samira e Gaia: Da che cosa viene attratto il visitatore?

Dott.ssa Brunella Portulano:  L’attenzione del visitatore può spaziare dal sepolcreto in piccoli edifici lignei dell’età del Rame del Riparo Valtenesi; ai resti dell’insediamento palafitticolo di località San Sivino, iscritto nel 2011 alla lista del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO, tra i “Siti Preistorici dell’arco alpino”; ai resti della villa romana individuata nella zona della Pieve di Santa Maria ed ai manufatti provenienti dagli edifici altomedievali scavati nella stessa area e dalla stessa chiesa battesimale; al sistema di fortificazioni medievali sulla sommità della Rocca.

 

 

 

 

punte di frecce per archi e balestre

Samira e Gaia: Cosa ci può dire riguardo alla sezione naturalistica presente nel Museo?

Dott.ssa Brunella Portulano: La sezione naturalistica al primo piano dell’edificio offre, inoltre, un ampio apparato illustrativo delle ricchezze e peculiarità botaniche e faunistiche del territorio della Riserva Naturale, motivando ampiamente le ragioni della scelta dell’uomo di insediarsi in quest’area nel corso dei millenni.

Ringraziamo la Dott.ssa Portulano per la Sua disponibilità. Sappiamo che un gruppo di studenti dell’ITS CESARE BATTISTI avrà  l’occasione con l’Alternanza Scuola-Lavoro di vivere un’esperienza interessante sia dal punto di vista culturale che formativo.interno museo Manerba_1

Samira Louki cl.4^A AFT
Gaia Poinelli cl 5^A TMO
Museo Civico Archeologico della Valtenesi
Via Rocca n. 20, 25080 Manerba del Garda (BS)


foto aerea Museo Manerba

 

Per informazioni:
tel. 339.6137247
e-mail: museodimanerba@libero.it
sito web: www.parcoroccamanerba.net

Orari d’apertura:
da aprile a settembre: dal lunedì alla domenica 10.00 -20.00;

da ottobre a marzo: giovedì, venerdì, sabato, domenica: 10.00 – 18.00. Lunedì, martedì, mercoledì aperto solo su prenotazione per gruppi organizzati e scolaresche.

Ingresso gratuito.

WhatsApp Image 2017-01-25 at 11.49.23

Percorsi didattici rivolti alle Scuole e visite guidate per gruppi lungo i sentieri della Riserva Naturale della Rocca e del Sasso e tra le chiese e i castelli della Valtenesi.

 

facebook1

Alternanza Scuola/Lavoro a Malta

stage2

Gruppo 4A/C TMO Alternanza Scuola/Lavoro a Malta.
One week of Training focusing in Hotel check in/out – Welcome activities – Tour Guide
Il gruppo è di 14 studenti accompagnati dai propri docenti di lingua Inglese e da un Tutor locale che li accompagnerà in ogni attività dalle ore 8.00 fino alle ore 18.00 se non ci sono attività serali.stage1

Students at work.

WhatsApp Image 2017-01-25 at 11.49.23

 Good morning….
Gruppo 4A/C TMO ASL a Malta ( 22/29 Gennaio 2017)

WhatsApp Image 2017-01-25 at 18.19.14

WhatsApp Image 2017-01-25 at 18.19.15

WhatsApp Image 2017-01-25 at 18.19.16

Students working in the evening …at the Hotel after dinner

facebook1

 


 

VALSABBIA, MON AMOUR!

(e altri casi di studio)
Ciclo di incontri dedicati al marketing del territorio

PROPOSTA DI CORSO  DI MARKETING DEL TERRITORIO
Anno scolastico 2016-2017

 

  • Incontro preliminare, presentazione, teoria, concetti base, operatività (ven. 20-1)
  • “Valsabbia, questa sconosciuta”: incontro introduttivo con il presidente della Comunità Montana di Vallesabbia Giovanmaria Flocchini (lun. 23-1)
  • Valsabbia 3.0: servizi e infrastrutture. Le sfide del territorio” Ezio Almici, Marco Baccaglioni (Secoval, la società di servizi della Comunità montana) (ven. 3-2)
  • Dalla valle dei magli alla valle dei libri”: Claudio Ferremi consigliere delegato alla cultura, Michela Valotti coordinatrice sistema museale della valle (ven. 10-2)
  • Il marketing del territorio di un piccolo comune: il caso Vallio Terme”: il sindaco Floriano Massardi (ven. 17-2 da confermare)
  • Lago d’Idro e Rocca d’Anfo: il turismo come scommessa”: Giuseppe Nabaffa, sindaco di Idro e Maurizio Zenucchi, responsabile guide (ven. 24-2 da confermare)
  • Sul Garda: il Vittoriale degli italiani di Gardone Riviera
  • Sul Garda: il Sa. di Salò
  • Sul Garda: la Comunità del Garda
  • Bilancio conclusivo, verifica degli elaborati.

 

facebook1

 


 

buone-feste

 

Il Battistinews augura buone feste al dirigente scolastico, a tutti i docenti, al personale ATA, a tutti gli studenti e alle loro famiglie.

Auguriamo inoltre un meritato riposo affinché si possa intraprendere il secondo quadrimestre con impegno e dedizione.

 

 

 

 

facebook1

 

COMUNICATO STAMPA
Secondo open day al Cesare Battisti di Salò

dsc_0391-2Sabato 17 Dicembre 2016 alle ore 15:00 fino alle ore 18:00 L’Istituto Cesare Battisti di Salò ha aperto  per la seconda volta le sue porte.

Come l’incontro precedente, si è riscontrato una discreta presenza di genitori e alunni delle scuole medie in tutti i nostri corsi.

Una prima presentazione generale è stata illustrata dalla prof.ssa Anna Rosa Bianchini e  dalla prof.ssa  Anna Mosca presso l’auditorium. E’ stato dato spazio anche ad un rappresentate del comitato studentesco  dell’Istituto, voce intermediaria tra alunni e il Dirigente Scolastico. La presentazione è stata seguita da una breve performance teatrale. I genitori e gli alunni delle scuole medie presenti sono stati poi accompagnati nei vari Corsi per avere informazioni più specifiche.dsc_0385

I ragazzi insieme alle loro famiglie hanno quindi avuto l’opportunità non solo di conoscere gli indirizzi presenti nella scuola, ma anche le varie attività extra-scolastiche promosse dal nostro Istituto Cesare Battisti per una più completa crescita culturale.

I genitori presenti hanno espresso soddisfazione per l’aiuto ricevuto sia dai docenti che dagli studenti stessi dell’Istituto.

Nonostante il periodo che precede le vacanze Natalizie e quindi più favorevole allo shopping è stato piacevole riscontrare l’interesse al nostro “Open Day”.

dsc_0378

L’ Istituto Cesare Battisti aprirà di nuovo il 21 Gennaio 2017, alla stessa ora e con le stesse procedure. Ricordiamo comunque che nelle settimane successive alle vacanze natalizie durante le ore del mattino la nostra scuola ospiterà altri 60 ragazzi provenienti dalle scuole medie del territorio per seguire lezioni di Lingua Straniera, Diritto ed Economia Aziendale.

Si ringraziano quindi tutti i docenti e gli alunni che hanno collaborato alla riuscita dell’Open day.

 

Federico Verdi
Samira Lauki
Alessandro Facchetti

 

facebook1

COMUNICATO STAMPA
PRIMO DEI TRE OPEN DAY ALL’ISTITUTO CESARE BATTISTI DI SALO’

orientamentoÈ durato tre ore “l’Open Day” dell’Istituto Cesare Battisti di Salò che si è svolto sabato 26 novembre dalle ore 15 alle 18. Hanno  partecipato genitori e alunni provenienti da ogni parte del territorio : Toscolano, Fasano, Muscoline, Roè, Nuvolera, Nuvolento, Villanuova, Vestone , Idro, Vobarno, Polpenazze, Gargnano e ovviamente Salò. Numerose le famiglie che hanno deciso di dedicare il pomeriggio all’orientamento per la scelta della scuola dei loro figli. Scuola che deciderà il loro futuro. L’incontro si è aperto con il discorso della vicepreside Michelini che ha dato un’idea generale dell’offerta formativa dell’Istituto. Successivamente  ha avuto luogo nell’auditorium una rappresentazione teatrale creata dai ragazzi del gruppo di teatro dell’Istituto, guidati dal regista William Medini e dalla prof.ssa Bianchini.

Durante l’Open Day presenti i ragazzi del Battisti che si sono messi a disposizione delle famiglie per dare  chiarimenti e informazioni riguardanti i settori presenti  nell’istituto. Le famiglie hanno trovato molto interessante l’indirizzo chimico (CMB), partito 2 anni fa nell’istituto. Ma anche  l’indirizzo economico orientato verso le relazioni internazionali per il marketing (RIM) che, con l’introduzione del russo come terza lingua , incuriosisce molto i ragazzi.  Le famiglie hanno chiesto anche informazioni relative all’indirizzo Costruzione Ambiente e Territorio (CAT), Amministrazione Finanza e Marketing (AFM) ma anche all’indirizzo del Turistico (TMO). Naturalmente i genitori hanno avuto l’opportunità di vistare i vari laboratori  informatici , linguistici , ma anche quello chimico e di fisica, senza dimenticare le due palestre. La maggior parte delle famiglie è stata soddisfatta e le valutazioni dell’Istituto sono state comprese in un range da 7 a 10. L’Istituto riaprirà le sue porte alle famiglie e agli interessati nei prossimi  2 incontri datati 17 dicembre e 21 gennaio 2017.

Lauki Samira
Verdi Federico
Facchetti Alessandro

 

facebook1

 


 

Che cosa ne sarà dell’Italia dopo i frequenti terremoti?

A cura della classe 1^B TMO

 

Che cos’è un terremoto?

Il terremoto è un movimento della superficie terrestre dovuto ad una frattura all’interno della crosta terrestre. Lo spostamento delle due zolle provoca delle vibrazioni che si espandono sotto forma di onde sismiche.

Cause dei terremoti:

Faglia

Le faglie sono delle spaccature nel suolo. Le faglie determinano e condizionano due importanti fenomeni del nostro pianeta: ovvero la sismicità e il vulcanismo.

leggi tutto l’articolo….

 

 

facebook1

COMUNICATO STAMPA
OPEN DAY ALL’ISTITUTO BATTISTI DI SALO’

battisti salòL’istituto  Cesare Battisti di Salò apre le porte al territorio. Tre gli incontri previsti in cui tutti coloro che vorranno saranno accolti all’interno della scuola per conoscere gli indirizzi, i servizi e le proposte didattiche offerte. L’istituto salodiano (situato in Via 4 Novembre, 11) si aprirà al pubblico nei pomeriggi del 26 novembre, 17 dicembre 2016 e 21 gennaio 2017 dalle ore 15 alle ore 18. L’istituto tecnico statale offre due settori di studio: un settore economico (amministrazione finanza e marketing e turismo) e un settore tecnologico (costruzione ambiente territorio e indirizzo chimica materiali e biotecnologie). Inoltre è presente  il corso serale che si rivolge a studenti e lavoratori. Le giornate dedicate all’open day prevedono una presentazione di carattere generale e la possibilità di conoscere nel dettaglio i singoli indirizzi.

L’istituto di Salò, fondato nel 1869, e ribattezzato nel 1920 in onore di Cesare Battisti, oggi conta 850 studenti ed è una delle scuole più prestigiose del lago di Garda. Tutti sono invitati a partecipare.

 

Per maggiori informazioni potete contattarci:

E-mail: battistinews2015@gmail.com

Redazione: 338 8458053
Facebook: BattistiNews
Per contattare l’Istituto: 0365/41213

Salò, 18/11/2016


 

Comunicato Stampa

3 Novembre 2016

 

Riparte anche quest’anno l’esperienza dell’Ufficio Stampa dell’ ITS Cesare Battisti .

Nuovo Anno, Nuova Squadra !!!!!

La linea editoriale del “Battisti News” per l’Anno Scolastico in corso è stata affidata alla sottoscritta, Amalia Bigi, docente di Inglese, in collaborazione con un esperto esterno, la giornalista Maria Paola Pasini.  Importante sarà anche la collaborazione con Michele Troiani, per la rivista online di Grada Uno. Il nostro contributo sarà  tradurre in lingua Inglese e Tedesca alcune pagine della loro rivista e una ricerca sul  nostro territorio relativa  ai “prodotti a Km 0”.

La “Nuova Squadra” per l’Anno scolastico 2016/2017 a cui fare riferimento per comunicare  eventuali proposte, per informare su Eventi Culturali significativi e di Progetti / Attività della Scuola,   è così composta :

Classe 4 ATMO : Moro Nicole , Mouhassine Salahdine, Nonni Bassiratou

5 ATMO : Dimauro Gabriele, Poinelli Gaia, Quecchia Erica,

4 CTMO : Boscaglia Linda , Jihan Hamed

3 ARIM  : Pensa Veronica

4 ARIM  : Facchetti Alessandro

4 AAFT   : Lauki Samira

5 ACTT   : Verdi Federico, Vitali Andrea

5 BCTT   : Feltrinelli Alberto, Massolini Matteo.

 

Ringraziamo a nome di tutti, colleghi ed alunni/e, la prof.ssa Pialorsi  ed il suo “Staff” per il lavoro svolto durante lo scorso Anno Scolastico.

Amalia Bigi


 

 

Lista IMAGE

 

 

 

 

 

 


ANNO SCOLASTICO 2015/2016

 

 

facebook1

 


ITS “C. Battisti”:
Il dirigente scolastico traccia il bilancio di un biennio alla guida dell’istituto salodiano.

Parla il Dirigente Scolastico dell’Istituto Gian Luca Chiodini.

Ha aspetti positivi e negativi il bilancio dell’anno scolastico 2015/2016 per l’Istituto Cesare Battisti. Ne è convinto il Dirigente Scolastico, professor Gian Luca Chiodini alla guida della scuola salodiana dal 2014. A lui abbiamo posto delle domande.

» Continua a leggere...

  • QUALI SONO I PUNTI DI FORZA E DI DEBOLEZZA DELL’ITS CESARE BATTISTI?

Un punto di forza dell’Istituto è dato dai laboratori che hanno buone dotazioni strumentali. Ricordo che il Battisti  è stato individuato dal ministero come snodo formativo per le tecnologie digitali per dirigenti scolastici, insegnanti e personale ATA. Altri punti di forza sono rappresentati  dai docenti che lavorano in modo competente; dallo staff di presidenza che è molto efficiente, dagli studenti che sono ragionevoli e collaborativi nonostante alcuni episodi problematici. I punti di debolezza potrebbero essere: il potere limitato di intervento del Dirigente su problematiche inerenti ad alcuni insegnanti. Quello che io auspico è una maggiore collaborazione fra famiglie e istituzione scolastica, al fine di cercare soluzioni positive ad eventuali situazioni problematiche. Anche per la segreteria ci sono margini di miglioramento.

 

  • COME STA ANDANDO IL NUOVO INDIRIZZO CHIMICO PARTITO QUEST’ ANNO?

Quest’ indirizzo zoppica un po’ poiché gli studenti che si iscrivono sono pochi. Sia la prima di quest’ anno che la prima dell’anno prossimo non hanno un elevato numero di iscritti. Probabilmente alcuni non scelgono Salò per paura che la classe non si formi.  Ad esempio, 5/6 ragazzi della Valsabbia e di Gavardo hanno preferito frequentare questo tipo di corso a Brescia, senza nulla togliere ovviamente al Golgi.

Permane la percezione degli Istituti tecnici come scuole di serie B, un retaggio del passato duro da scalfire. Tra i 121 iscritti alla scuola media di Salò, 11, certamente non tanti, hanno scelto il nostro Istituto Tecnico, poiché i residenti preferiscono il liceo. C’è anche da dire che gli altri indirizzi, come l’AFM (Amministrazione Finanzia e Marketing) e il TMO (Turismo), contano numeri di iscritti piuttosto alti.  Anche l’indirizzo dei geometri CAT (Costruzione Ambiente e Territorio) è in crisi.  Infatti, diminuiscono le classi, ma il problema è a livello nazionale ed è dovuto alla crisi economica che sta interessando particolarmente il settore dell’edilizia.

 

3) QUESTO È IL PRIMO ANNO IN CUI LA RIFORMA DELL’ ALTERNANZA SCUOLA/LAVORO È  ENTRATA PIENAMENTE IN VIGORE, PREVEDENDO ORE DI IMPEGNO ATTIVO DURANTE LE LEZIONI. COME SONO STATI AFFRONTATI I PROBLEMI ORGANIZZATIVI E DI COORDINAMENTO CON AZIENDE ED ENTI COINVOLTI?

Non si sono avuti grandi problemi e ciò grazie ad alcuni insegnanti, in particolare al prof. Gregorio Gangemi che ha svolto quasi da solo tutto il lavoro e si è impegnato a cercare enti ed aziende per svolgere l’alternanza (ha inviato più di 200 e-mail). Il problema principale è stata l’ organizzazione del progetto durante l’ anno scolastico. Alcuni insegnati si sono espressi in modo un po’ critico nei confronti dell’iniziativa e vi sono state anche lamentele da parte di genitori perché in alcune classi l’alternanza si è svolta in prossimità delle gite  scolastiche e delle vacanze di Pasqua. Anche la prof.ssa Anna Bianchini è stata di aiuto nel trovare enti disponibili ad accogliere gli alunni del TMO. Le ore richieste sono decisamente troppe anche perché questa riforma è piovuta sulla scuola senza preavviso.  Il principio in sé non è sbagliato, ma ad essere sbagliate sono state le tempistiche attuative e una certa opacità nella normativa. Si stanno cercando quindi delle possibili soluzioni, come ad esempio trovare il periodo adeguato in cui attuare l’alternanza.

 

4) IN CHE MODO L’ISTITUTO SI È APERTO AL TERRITORIO?

L’ Istituto ha un buon rapporto con il Comune di Salò. L’ anno scorso è venuto il Sindaco, mentre quest’ anno, nell’ambito della settimana dedicata ai “Dialoghi di Urania”, sono venuti alcuni suoi collaboratori. Quest’ anno è partito anche il Progetto “Professione giornalista”, curato dalla prof.ssa Francesca Pialorsi, con l’ausilio della giornalista  Maria Paola Pasini che ha portato alla nascita di un Ufficio Stampa interno all’ Istituto, il “BattistiNews”, presente sul sito del Battisti e su Facebook con notizie on-line e comunicati stampa inviati alle varie testate giornalistiche, cartacee, televisive, radiofoniche e web. Il “BattistiNews” è stato contattato anche dall’ azienda Garda Uno, nella persona di Michele Troiano, per il progetto Lab, una collaborazione che è già iniziata. Come da diversi anni inoltre la nostra scuola aderirà al progetto “TEATRALÒ” con il laboratorio teatrale seguito dalla prof.ssa Anna Bianchini e dal regista William Medini. Si cerca di aprirsi sempre di più. La prof.ssa Gabriella Comini e la prof.ssa Guia Bolognani hanno organizzato anche incontri con commercialisti e con l’ Agenzia delle Entrate. Il prof. Sergio Apollonio ha organizzato un corso per diventare Amministratori di condominio. Ci sono le certificazioni delle lingue, corsi con esperti esterni ed, infine, come detto prima, l’ Istituto è diventato snodo formativo per le tecnologie digitali.

 

5) QUALI SONO GLI OBIETTIVI CHE SI È POSTO ALL’INIZIO DELL’ ANNO SCOLASTICO? IN CHE MISURA SONO STATI RAGGIUNTI?

Gli obiettivi posti a inizio anno sono stati: rendere l’ Istituto il migliore possibile,  incrementare gli iscritti. Quest’ anno ho puntato molto sull’ orientamento che ha portato una decina di iscritti in più rispetto all’ anno scorso, grazie anche al contributo delle professoresse Ernesta Pezzola, Anna Bianchini e anche di altri insegnanti che hanno partecipato all’iniziativa, come la Prof.ssa Francesca Pialorsi con lo staff del “BattistiNews”.  Un obiettivo che si spera di raggiungere è quello di fare l’ orientamento all’ interno delle varie scuole medie del territorio per far conoscere meglio la nostra realtà scolastica e soprattutto gli indirizzi tecnici. Penso si possa migliorare anche il lavoro della  segreteria  e anche il rapporto con alcuni insegnanti.  Si cercherà di affrontare le situazioni di problematicità, legate ad alcuni docenti  in modo più incisivo con la collaborazione di tutti gli utenti.

6) COME SONO ANDATE LE ISCRIZIONI PER IL PROSSIMO ANNO?

Si è soddisfatti con moderazione. L’ obiettivo era di raggiungere i 150 iscritti momentaneamente si è arrivato ai 148, grazie all’ impegno profuso dagli insegnanti. Si pensa di riuscire a incrementarli.

 

7) SUL PIANO STRUTTURALE-EDILIZIO IL BATTISTI PRESENTA SITUAZIONI CRITICHE? SI TRATTA DI INTERVENTI RILEVANTI SUL PIANO ECONOMICO? DA DOVE ARRIVERANNO LE RISORSE ECONOMICHE PER RISOLVERE QUESTE CRITICITÀ?

La struttura non presenta grossi problemi e la Provincia si è rivelata disponibile e cerca di fare ciò che può. Si è già fatto un appalto per cambiare le finestre e gli infissi verso luglio. Uno dei problemi più rilevanti sono le fognature. Per ora si è riscontrato un problema organizzativo-burocratico tra la Provincia e Garda Uno, risolto grazie all’ intervento del Sindaco di Salò, Avv. Giampiero Cipani. Poi si dovrebbero cambiare alcune ringhiere e parapetti.

 

8) COSA SIGNIFICA ESSERE ”PRESIDE” O PER MEGLIO DIRE “DIRIGENTE SCOLASTICO” OGGI?

Questa professione sta sempre diventando più burocratica che educativa.  Il MIUR sta affidando a questa figura sempre più incarichi come ad esempio, è di questa mattina, redigere il documento di trasparenza e  di anticorruzione. A causa di tutte queste incombenze non si ha più tempo per esempio per rendersi conto delle problematiche a livello didattico.

 

9) QUAL È IL BILANCIO DI QUESTO BIENNIO ALLA GUIDA DELL’ ISTITUTO TECNICO SALODIANO?

Il bilancio non è negativo e non ci si può lamentare.

L’ Istituto negli ultimi anni ha visto il suo prestigio diminuire, forse a causa di continui cambi dirigenziali. Si è ora intrapresa una strada di progressivo miglioramento che ci auguriamo, nei prossimi anni, darà i suoi frutti.

 

10) LA SUA FORMAZIONE CLASSICA LE È STATA D’ AIUTO IN UN ISTITUTO TECNICO?

I lati positivi e caratteristici di questo tipo di formazione sono la visione più ampia delle situazioni. Non posso essere considerato come esempio di formazione classica, poiché per natura sono più impulsivo che saggio. Ciò che mi ha aiutato a fare bene questo lavoro sono stati tutti i miei anni di vicepresidenza trascorsi accanto a un ottimo dirigente scolastico, la prof.ssa Liliana Aimo. C’è da dire che i problemi affrontati dai licei non sono poi così diversi dai nostri. L’ importante in questo lavoro non è tanto la formazione, ma quanto il tipo di persona che sei.

Arianna Capoferri
Imma Vitale

» Nascondi

facebook1


 

“Storie di cielo e di mare”

Alcune fotografie suggestive scattate da Michele Troiano (GardaUno Lab) durante la rappresentazione “Storie di cielo e di mare” della compagnia teatrale dell’ ITS Cesare Battisti di Salò.

Garda_Uno_Lab_667

facebook1

 

 


 

“Storie di cielo e di mare” all’ITS Cesare Battisti di SalòWhatsApp-Image-20160519 (1)

“Storie di cielo e di mare” è il titolo della rappresentazione che si terrà mercoledì 25 maggio presso l’auditorium dell’ Istituto Cesare Battisti di Salò, in orario scolastico, e con una replica serale alle 20.45. Lo spettacolo nasce da un laboratorio teatrale interno all’Istituto , curato dalla Prof.ssa Anna Bianchini con la regia di William Medini.

Per l’occasione, li abbiamo intervistati.

  • Qual è il tema dello spettacolo di quest’anno “Storie di cielo e di mare”?

-La rappresentazione di quest’anno – spiega la Prof.ssa Bianchini – è particolarissima.  E’ liberamente ispirato a La gabbianella e il gatto di Luis  Sepulveda.  E’ un racconto ricco di moltissimi significati. La rilettura che ne è stata fatta risulta  unica, visionaria, simbolica, con elementi tratti dal teatro di strada, dalla clowneria . Vi sono inoltre momenti lirici, cioè poetici e molto intimi, alternati a momenti comici, dove c’è gioia ed allegria.-

  • Quale difficoltà ha incontrato nella regia di quest’anno?

-La difficoltà – sottolinea il regista Medini , discendente da una storica famiglia circense ,,  – è   riuscire a trasformare una  fiaba che all’apparenza sembra per bambini, valorizzandone in modo profondo le tematiche,  così da farla diventare un  racconto fruibile anche dagli adulti. Questa è  una storia che parla a tutti, parla di protezione dell’ambiente, di un mondo che soffre perché gli esseri umani non sempre sono ragionevoli anzi, lo distruggono e lo sporcano. Parla anche  di accettazione della diversità .-

  • Prof.ssa Bianchini chi sono i ragazzi in scena?

-I ragazzi sono tantissimi, sono 46, quindi immaginate la difficoltà, ma anche  il piacere di lavorare con un gruppo così numeroso. Non esiste una compagnia di attori formata da 46 persone. È difficilissimo metterli in scena in armonia, però vedrete che sarà una cosa meravigliosa. Sono ragazzi che appartengono a tutti i corsi dell’Istituto, dalla prima alla quinta, quindi noi siamo, come dico sempre, una piccola famiglia, nella grande famiglia che è quella del Battisti.-

  • L’ottavo anno del laboratorio: un bilancio degli anni passati

-Sono otto anni che noi facciamo teatro in questa scuola. Abbiamo un repertorio vastissimo e  abbiamo vinto diversi premi  Il nostro è un teatro corale d’avanguardia perché la singolarità di questi spettacoli è che non vedono primi e secondi attori, in quanto tutti sono sempre contemporaneamente sulla scena e recitano a turno le stesse parti. Si impara così a lavorare con gli altri, ad essere in sintonia ed in armonia con la gente, oltre a conoscere il proprio corpo, la gestualità .

Ci teniamo tantissimo a questo laboratorio, lavoriamo tanto e siamo veramente entusiasti, quindi penso che anche quest’anno sarà un gran bel lavoro. Un altro dettaglio è che  non cerchiamo di educare alla bravura tecnica della recitazione, ma alla bellezza della vita.-

 

facebook1

 


Alternanza scuola-lavoro” /2: Valutazione e certificazione.

 La redazione di ‘Battistinews’ illustra in un dossier di tre articoli, a cura di Tommaso Signorini, le caratteristiche e le modalità di attuazione del programma di alternanza scuola-lavoro, che riguarda direttamente il nostro Istituto e in primis gli studenti, al fine di fare chiarezza sulla normativa. Oggi il secondo articolo relativo alla valutazione e alla certificazione.

La valutazione della performance lavorativa è il solo modo, così come avviene a scuola, per conoscere l’effettivo possesso di una competenza al fine di poterla così certificare.

Alla fine del periodo di alternanza scuola-lavoro, lo studente sarà valutato in base alla qualità della prestazione svolta e alla sua attitudine a imparare e a relazionarsi con l’ambiente lavorativo attinente ai suoi studi.

Il giudizio è steso dal tutor aziendale, che alla fine del percorso formativo, compila la scheda di valutazione.

Questo documento ufficiale è definito “certificazione” e riassume il comportamento dello studente all’interno dell’azienda, indicando, per ogni campo, il relativo livello di preparazione raggiunto.

In particolare la certificazione tiene conto di quattro criteri fondamentali:  1)Possesso e acquisizione delle competenze tecnico-professionali.

2)Comportamento organizzativo

3)Motivazione e atteggiamenti.

4)Preparazione scolastica.

Il tutor presta particolare attenzione alla capacità dello studente di conseguire il risultato richiesto.

Il prodotto del lavoro è infatti sempre evidente e riconoscibile. E’ possibile constatarne l’esistenza, la funzionalità e il rispetto delle caratteristiche richieste.

Un altro elemento da considerare è il percorso seguito per ottenere tale risultato. Può trattarsi di applicare una procedura o delle istruzioni, oppure di fare una scelta tra diverse opzioni possibili o addirittura di operare in completa autonomia su indicazioni del tutor.

Non meno importanti ai fini della valutazione sono anche la puntualità negli orari prefissati, il modo di relazionarsi con i colleghi, la diligenza dimostrata nei confronti della mansione assegnata ed infine l’interesse ad imparare e a mettersi in gioco direttamente.

Lo studente che ha svolto attività di alternanza, oltre ad avere accesso alla possibilità di ottenere un credito formativo supplementare, sarà in possesso di un esperienza lavorativa valida, che potrà inserire all’interno del proprio ‘curriculum vitae’ e vedersi quindi riconosciuta in tutta Europa.

Qualora lo studente si dimostri diligente e meritevole, nulla vieta all’azienda che lo ritiene opportuno, di assumerlo con un vero e proprio contratto di lavoro retribuito. Le imprese sono infatti più propense ad assumere personale che è già in possesso di esperienza, ancor meglio se ciò è avvenuto all’interno dell’azienda stessa.

 

facebook1

 


 

Alternanza scuola-lavoro” /1: Che cos’è e come funziona.

battisti salòLa redazione di ‘Battistinews illustrerà in un dossier di tre articoli, a cura di Tommaso Signorini, le caratteristiche e le modalità di attuazione del programma di alternanza scuola-lavoro, che riguarda direttamente il nostro Istituto e in primis gli studenti, al fine di fare chiarezza sulla normativa. Oggi il primo articolo.

 Scuola e mondo del lavoro saranno sempre più vicini, con la legge 107/2015 approvata lo scorso luglio in Parlamento, più comunemente conosciuta come “La Buona Scuola”, le imprese e la scuole italiane sono state messe in più stretta relazione.

Come si concretizza questo? La riforma prevede un monte minimo di 400 ore (200 per i licei) di alternanza scuola-lavoro, da totalizzare nel corso dell’intero triennio delle superiori, svolgendo attività lavorativa presso enti e imprese affiliati con la scuola. Un monte ore elevato, se pensiamo che sono per tutti gli studenti, senza esclusione alcuna. Mentre sino ad ora solo l’8% di loro ha vissuto questo genere di esperienza.

Quella dell’alternanza, come afferma il ministro dell’istruzione Stefania Giannini: “è un’innovazione fondamentale per la crescita dei giovani e la loro integrazione nell’ambito lavorativo”.

A partire dal 2016 oltre 500.000 studenti italiani sono direttamente coinvolti. Lo studente è infatti chiamato a svolgere un esperienza lavorativa che mira ad unire conoscenze e competenze, il sapere e il saper fare, applicando la teoria alla pratica, entrando direttamente in contatto con il mondo del lavoro.

I progetti di alternanza prevedono la presenza delle figure di tutor, soggetti esperti che rendono possibile questo percorso di apprendimento. * Il tutor aziendale è un dipendente o collaboratore dell’azienda ospitante.E’ colui al quale lo studente farà riferimento all’interno dell’azienda. Il tutor non solo deve possedere un’ampia esperienza lavorativa, ma anche buone capacità di relazione e comunicazione.

Il docente referente, uno per classe, è colui che inizialmente fa da tramite tra le aziende e il singoli studenti, al fine di facilitare la procedura burocratica e rendere il procedimento più scorrevole. * Il tutor scolastico invece, è il docente dell’Istituto scolastico che viene designato al fine di gestire e coordinare le varie attività di alternanza all’interno dell’istituto, collabora con i vari docenti referenti e con le imprese.

I percorsi in alternanza sono attuati nel rispetto di quanto previsto dalla legge in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. Con il decreto legislativo 81 del 2008, gli studenti in alternanza, così come i lavoratori dipendenti, devono essere formati in materia di salute e sicurezza. E’ quindi necessario per la scuola e per l’azienda adempiere alla normativa mediante lo svolgimento di corsi specifici.

Per la buona riuscita del percorso formativo è indispensabile il dialogo fra lo studente in alternanza ed il tutor aziendale, oltre, naturalmente, alle buone relazioni con gli insegnanti, in particolare col tutor scolastico.

 

 

facebook1


Al Battisti di Salò torna ECONOMIC@MENTE: la finanza a portata di mano

13133094_525172354352361_7802171634328138352_nAnche quest’anno gli studenti del Cesare Battisti hanno preso parte al progetto ECONOMIC@MENTE- Metti in conto il tuo futuro, iniziativa nata nel 2009, cui il nostro Istituto ha aderito nel 2013.

La partecipazione a questo progetto, da parte degli studenti dell’Istituto, è stata possibile grazie all’impegno della prof.ssa Gabriella Comini, docente di discipline giuridiche ed economiche presso l’ITS Cesare Battisti.
La professoressa osserva che questo intervento, rivolto a studenti del secondo biennio degli Istituti tecnici di indirizzo economico aziendale, già preparati su tematiche economiche, monetarie e finanziarie, risulta molto utile per approfondire l’economia finanziaria e i suoi meccanismi, per capire le trappole nelle quali purtroppo, e ne abbiamo esempi recenti, il risparmiatore può incappare. La docente definisce questa iniziativa come “Uno strumento in più in classe”.

Durante gli incontri i temi sono stati trattati dal formatore Roberto Ferrari in base alle esigenze degli alunni e delle loro famiglie, rendendo il confronto a misura di studente.
Secondo Ferrari il punto di forza di questo progetto sta nel fatto che i formatori sono professionisti, che per lavoro svolgono attività costantemente in contatto con la realtà di tutti giorni.

La partecipazione del Battisti a questo programma ha suscitato grande interesse tanto da essere argomento di un articolo su MilanoFinanza a firma di Francesca Pontiggia (30 aprile 2016), nel quale è stata proposta un’intervista a Gabriella Comini e Roberto Ferrari per conoscere la valenza del progetto.

Awa Thioube
Erika Morselli

 facebook1

Alternanza scuola-lavoro: bilancio positivo.

Il BattistiNews ha preso una classe campione, la 3^A RIM, da cui provengono molti dell’Ufficio Stampa, per verificare i risultati dell’esperienza di stage lavorativo che si è svolto quest’anno, in orario scolastico, per due settimane.

Bilancio positivo. La quasi totalità degli studenti della classe 3^A RIM che hanno partecipato allo stage in azienda, in base alla riforma Renzi, si sono dichiarati soddisfatti per il buon esito dell’esperienza.

Da quest’anno infatti gli studenti delle scuole superiori hanno dovuto trascorrere un periodo di formazione più o meno lungo, non solo sui banchi di scuola, ma anche presso enti pubblici e imprese private.

Sono state previste 200 ore per i liceali, 400 ore per gli studenti del secondo biennio e dell’ultimo anno degli istituti tecnici e professionali.

Al termine del periodo di stage come BattistiNews abbiamo posto agli studenti della classe 3^A RIM, formata da 20 studenti, alcune domande, chiedendo loro di esprimere anche una votazione.

L’attività ha coinvolto: 12 aziende, 7 commercialisti, 1 comune e 1 palestra.

Per 17 studenti lo stage è durato 2 settimane, per 3 studenti 3 settimane.

Lo stage si è svolto dal 29 febbraio al 12 marzo 2016.

Attraverso le domande poste si è cercato di capire se l’esperienza sia servita dal punto di vista professionale, relazionale e caratteriale.

Da quasi tutte le interviste è emersa l’utilità di sapersi relazionare con gli altri e soprattutto con gli adulti. Lo stage ha fatto acquisire agli studenti nuove conoscenze e li ha aiutati a capire come perseguire degli obiettivi in modo efficace.

Di seguito il dettaglio delle domande, delle valutazioni e delle risposte fornite dagli studenti.


 

DOMANDA 1
Queste ore hanno accresciuto le vostre competenze professionali? (votazione 1-10)

Le risposte sono positive per la maggior parte. Sono stati riscontrati diversi aspetti comuni; gli studenti affermano di aver acquisito nuove competenze professionali.

Hanno consolidato e approfondito l’utilizzo delle lingue straniere.
Sono riusciti a concretizzare ciò che è stato appreso durante l’orario curriculare.
L’esperienza ha fatto acquisire loro indipendenza e li ha aiutati a comprendere meglio il mondo del lavoro.
Solamente un soggetto afferma di non aver accresciuto le sue competenze in materia economica.


 

DOMANDA 2
L’esperienza ha migliorato la vostra capacità di relazione e collaborazione con gli altri? (votazione 1-10)

Trovandosi in un ambiente nuovo molti studenti hanno riscontrato una difficoltà iniziale a relazionarsi a causa della timidezza. L’ostacolo è stato superato in un secondo momento. Gli studenti hanno migliorato la capacità di rapportarsi con gli adulti. Per molti è stato bello sentirsi parte di un’ azienda e ciò li ha aiutati a capire meglio il mondo del lavoro e le sue esigenze. I ragazzi sono riusciti a collaborare con i soggetti presenti in azienda in modo costruttivo.
Solo un soggetto sostiene di non aver migliorato le sue capacità di relazione e un altro ritiene di averle migliorate solo parzialmente.


 

DOMANDA 3
Questa esperienza vi ha fatto conoscere meglio le potenzialità o i punti deboli del vostro carattere? (votazione 1-10)

 

I ragazzi sono migliorati caratterialmente, hanno capito di doversi impegnare per raggiungere degli obiettivi. Lo stage ha fatto emergere le potenzialità degli studenti e li ha aiutati a migliorare gli aspetti deboli del loro carattere.

Gli stagisti sono riusciti a comprendere i propri errori anche grazie all’aiuto dei colleghi.

Quattro soggetti non hanno notato miglioramenti del carattere.

L’esito dell’esperienza, nel complesso, è positivo. Gli studenti hanno acquisito maggiore consapevolezza del mondo del lavoro .


 

 

D1 D2 D3
*5-8 *9-6 *8-5
7 8 8
7 8 7
7,5 6 5
7,5 8 8
7/8 8 6
8 6 6
8 9 8
8 9 8
8 8 8
8/9 9 8
9 8 9
10 8 8
10 7 6
9 8 7
9 7 9
7,5 8 8
8 9 10
7 7 6
9 8 7

*uno studente ha suddiviso il periodo di stage in due aziende distinte.

 

Jessica Cadenelli
Alessandro Facchetti

 

facebook1

 


Il Battisti fa teatro

Gli studenti del Battisti sul palcoscenico.
Sipario_teatrale

Mercoledì 25 Maggio presso l’auditorium dell’ Istituto Cesare Battisti di Salò si terrà, in orario scolastico, la tradizionale rappresentazione teatrale di fine anno articolata in due spettacoli.

Sarà in programma anche una replica serale per il pubblico esterno.

Come ormai da alcuni anni, lo spettacolo nasce da un laboratorio teatrale interno all’Istituto e curato dalla Prof.ssa Bianchini, regia di William Medini.

C’è grande attesa per il tema del lavoro teatrale che, come consuetudine, rimarrà ‘top secret’  fino all’ultimo momento.

Sarà uno spettacolo completamente diverso dagli altri e con una tematica vicina all’attualità.fotttt

La rappresentazione rientra nella quinta edizione della  rassegna teatrale delle scuole che vede la partecipazione di tutti gli Istituti, statali e paritari, del Comune di Salò. foto sepppp (2)

Ogni scuola locale avrà la possibilità di presentare sul palco dell’auditorium “P. Ceccato” il lavoro svolto nei singoli laboratori teatrali.

 

 

 

Erika Morselli
Stefania Scalvini
Awa Thioube

facebook1


BattistiNews e Garda Uno Lab: una partnership interessante.

BattistiNews e Garda Uno Lab in un’unica squadra.
Da aprile 2016 l’ITS Cesare Battisti di Salò, attraverso il suo ufficio stampa BattistiNews, inizia una collaborazione stimolante con Garda Uno Lab, un progetto di comunicazione sul territorio, targato Garda Uno Spa, per sensibilizzare maggiormente la cittadinanza al rispetto per l’ambiente.
L’ufficio stampa dell’ Istituto è stato coinvolto da Garda Uno Lab, nella persona di Michele Troiano, responsabile del settore multimedialità, per contribuire alla rivista digitale.
La gestione del progetto è a cura del team multimediale di Garda Uno Spa (www.gardauno.it/credits).

» Continua a leggere...


Il BattistiNews è stato contattato perché Lab condivide un percorso di sensibilizzazione con realtà territoriali quali scuole, biblioteche, musei, associazioni culturali e sportive e anche singole persone, accomunate dall’interesse per le problematiche ambientali.
La rivista digitale può essere definita come un contenitore che raggruppa le diverse realtà che partecipano al progetto. Per ora sono due le pubblicazioni annuali (fine dicembre e aprile).
La rivista è stata ideata con le seguenti caratteristiche: grafica e fotografie dominanti e brevi testi che possono essere approfonditi sul sito web Gardauno.it.
Le tematiche vengono indicate di volta in volta da Garda Uno Spa. Il primo contributo al LAB, riguarderà la tematica della MOBILITA’.
Come primo articolo, inerente a quest’ultima, si è deciso di valorizzare e approfondire un’esperienza che era già stata trattata in un testo precedente, cioè la partecipazione di sei studenti delle classi 5°sez.A-B del corso CAT dell’ Istituto, a un Workshop all’interno della ” Sesta Rassegna Internazionale del Paesaggio e del Giardino”.
Questa rassegna, si è svolta presso il Municipio di Moniga del Garda (1 e 2 ottobre 2015), sotto la guida dell’architetto paesaggista Ippolita Nicotera (studio internazionale di paesaggismo TOPOTEK 1 di Berlino)e ha avuto come tema LA RIQUALIFICAZIONE PAESAGGISTICA della strada provinciale 572 Salò/Desenzano, che attraversa l’area vitivinicola e olearia della Valtenesi.
Poiché il tema della riqualificazione paesaggistica della SP 572 sembrava in linea con la tematica proposta da Garda Uno Lab, si è deciso di contattare una delle studentesse che aveva preso parte al Workshop proponendole di aiutarci a scrivere un articolo che mettesse in luce il suo lavoro e quello dei suoi compagni e che, nello stesso tempo, fosse inerente alla mobilità. Ne è risultato un articolo declinato in due versioni: una più short e una più approfondita per Garda Uno Lab. E’ stato un modo per avviare collaborazioni trasversali dentro e fuori l’ Istituto, per conoscere nuove realtà ambientali, territoriali e professionali.
La scuola del resto è anche questo.

F.Pialorsi e staff

Il logo è stato realizzato da una collaborazione di Garda Uno Lab con i grafici dell’Istituto Bazoli di Desenzano

» Nascondi

facebook1

 


 

AMBASCIATORI ALL’ ONU:
LA NOSTRA INTERVISTA A MARIA CHIARA VINCELLI

Abbiamo intervistato la studentessa Maria Chiara Vincelli (5^B TMO)  dell’ ITS Battisti che ha partecipato al programma National high School Model United Nations come ambasciatrice all’ ONU.

Le abbiamo posto le seguenti domande

1.Quali motivazioni ti hanno spinto ad aderire al progetto?

Il motivo principale che mi ha spinto ad aderire al progetto è stata la curiosità. Non pensavo di essere scelta perché la selezione era su scala provinciale. Inoltre abbiamo affrontato un test di inglese in cui il livello minimo richiesto era il B1.

2.Qual è stato il tuo percorso?

Innanzitutto bisognava superare il test di lingua inglese e in seguito, se si era interessati, c’era la possibilità di frequentare delle lezioni formative e informative di preparazione all’esperienza, oppure ci si poteva ritirare.

3.Quali erano, a tuo avviso, le qualità o caratteristiche più importanti per essere scelti?

La competenza assolutamente necessaria era la conoscenza dell’inglese. Altrettanto importanti erano la voglia di mettersi in gioco e l’impegno.

4.Hai incontrato particolari difficoltà?

Arrivata a New York ho trovato difficoltà nel parlare l’inglese, in quanto, l’accento americano è molto diverso da quello inglese che si impara a scuola. Inoltre, mi sono sentita disorientata, poiché la maggior parte degli altri studenti era di madrelingua inglese.

5.Quali competenze hai ottenuto con questa esperienza?

Il lavoro doveva essere presentato entro una certa data, successivamente veniva curato
e corretto dall’Italian Diplomatical Accademy e poi spedito a New York. Per questo motivo ho imparato a rispettare le scadenze e anche ad organizzarmi meglio con il tempo a disposizione.

6. Consiglieresti questa esperienza ad altri studenti, se si perché?

E’ stata un’esperienza positiva che mi ha permesso di confrontarmi con ciò che accade nell’attualità. Devo anche osservare che l’ambiente di lavoro era molto competitivo e non era semplice farne parte.

A questo progetto hanno partecipato numerosi studenti italiani, circa 711, in parte provenienti dal  centro-nord e  dal sud  della penisola.

Noi del BattistiNews riteniamo che questo progetto sia un’opportunità di formazione professionale e personale.

Nel complesso Maria Chiara ci è sembrata soddisfatta di questa esperienza.

foto di BattistiNews.
foto di BattistiNews.

 

Anna Draghici
Awa Thioube
Selma Draoui
Erika Morselli

Con la collaborazione di
Jacopo Bertanza
Maimouna Barra
Francesca Andreassi

 

facebook1

 


GIORNATE FAI 2016

Afflusso e interesse sono le parole chiave per raccontare un weekend che ha sancito, anche quest’anno,  il successo delle “Giornate FAI di primavera”.foto 1

A Salò, il Lazzaretto di San Rocco, uno dei tre monumenti nazionali della cittadina (al pari del Duomo e di Palazzo Martinengo),  ha aperto le porte al pubblico in occasione delle “Giornate di primavera del FAI”, con visite guidate.

Gli studenti (classi 4^A, 3^A, 3^B, 3^C del corso TMO) dell’ ITS Cesare Battisti vi hanno partecipato attivamente in qualità di ciceroni, raccogliendo consensi.foto 2

Noi del BattistiNews ci teniamo a far conoscere all’esterno questo tipo di attività, svolte dagli studenti della nostra scuola, per evidenziare che l’ITS Battisti, oltre che a formare i ragazzi teoricamente,  dà loro la possibilità di partecipare attivamente a queste esperienze per formarli anche professionalmente.

 

 

 

Awa Thioube

 

facebook1

 


 

 

ITS CESARE BATTISTI: PROGETTO “STUDENTI AMBASCIATORI ALL’ONU”.
C’ERAVAMO ANCHE NOI

Anche una nostra studentessa, Maria Chiara Vincelli (5^B TMO), ha partecipato, insieme ad altri 3500 studenti provenienti da tutto il mondo, al programma National High School Model United Nations (www.nhsmun.nyc) come ambasciatrice all’ONU.

L’esperienza si è svolta a New York dal 29 Febbraio all’ 8 marzo 2016.Si tratta di una prestigiosa simulazione di processi diplomatici multilaterali riservata agli studenti delle scuole superiori.
Il progetto, di carattere formativo-orientativo ,si è articolato in due fasi:1. formazione in Italia (attraverso lezioni specifiche, dedicate a molteplici tematiche di attualità, ovviamente svolte in lingua inglese).2. simulazione a New York. In quest’ultima fase, gli studenti hanno assunto il ruolo attivo di delegati di Stati membri dell’ONU, per proporre soluzioni alle problematiche mondiali in precedenza analizzate.Il progetto ha consentito agli studenti/ambasciatori di condividere le proprie idee e proposte riguardo alle attuali situazioni di criticità del mondo, il tutto di fronte una platea internazionale.Al termine dei lavori, infatti, quanto proposto dagli studenti verrà sottoposto all’attenzione dei reali diplomatici di carriera, i quali terranno in considerazione gli input dati dagli studenti.Siamo contenti che una nostra studentessa abbia potuto partecipare a questa iniziativa a nome del nostro Istituto e ringraziamo anche la prof.ssa Bigi per aver seguito questo progetto.Selma Draoui
Claudio Enobas
Awa Thioube
foto di BattistiNews.
foto di BattistiNews.

facebook1

 


 

ITS Cesare Battisti: Progetto “studenti ambasciatori all’ONU”.
C’eravamo anche noi

Anche una nostra studentessa, Maria Chiara Vincelli (5^B TMO), ha partecipato, insieme ad altri 3500 studenti provenienti  da tutto il mondo, al programma National High School Model United Nations (www.nhsmun.nyc) come ambasciatrice all’ONU.

amb

L’esperienza si è svolta a New York dal 29 Febbraio all’ 8 marzo 2016.

Si tratta di una prestigiosa simulazione di processi diplomatici multilaterali riservata agli studenti delle scuole superiori.

Il progetto, di carattere formativo-orientativo ,si è articolato in due fasi:

 

 

  1. formazione in Italia (attraverso lezioni specifiche, dedicate a molteplici tematiche di attualità, ovviamente svolte in lingua inglese).
  1. simulazione a New York. In quest’ultima fase, gli studenti hanno assunto il ruolo attivo di delegati di Stati membri dell’ONU, per proporre soluzioni alle problematiche mondiali in precedenza analizzate.

Il progetto ha consentito agli studenti/ambasciatori di condividere le proprie idee e proposte riguardo alle attuali situazioni di criticità del mondo, il tutto di fronte una platea internazionale.

Al termine dei lavori, infatti, quanto proposto dagli studenti verrà sottoposto all’attenzione dei reali diplomatici di carriera, i quali terranno in considerazione gli input dati dagli studenti.

Siamo contenti che una nostra studentessa abbia potuto partecipare a questa iniziativa a nome del nostro Istituto.

Selma Draoui
Claudio Enobas
Awa Thioube

 

 

 

 

facebook1

 


L’Ecologia: questa sconosciuta.

image3Questo articolo deriva da un incontro che la prof.ssa Cannariato ha tenuto durante l’assemblea di Istituto del 29 Gennaio 2016, finalizzato a responsabilizzare i giovani riguardo al tema dell’ecologia. Riferiamo in modo dettagliato il discorso della Professoressa.

“Molti di voi avranno sentito sicuramente parlare del termine “Ecologia”, ma ne conoscete il vero significato? Bene, l’Ecologia è lo studio delle “case” degli essere viventi. Come sappiamo c’è un’unica “casa” che accoglie tutti gli esseri viventi, GAIA, il Pianeta Terra.

» Continua a leggere...

Essa è stata, fin dall’inizio dei tempi l’unico organismo, l’unico luogo ad ospitarci, a partire dai dinosauri, passando agli indiani, che avevano un rapporto molto stretto con la Terra, fino ad arrivare a noi, l’uomo evoluto.  Oggi tutti facciamo parte della stessa “rete” , per cui se la Terra sta male in un punto, ne risentiamo tutti. L’uomo ,oramai, è sin dal Neolitico, e ancora di più, sin dalla rivoluzione industriale del XVIII secolo, che sta modificando profondamente la Terra. E questo per evolversi, innovarsi, per stare bene, essere felice e  avere buoni rapporti con gli altri.image2

La Terra siamo noi, noi siamo natura. Infatti gli atomi del nostro corpo derivano dalle stelle, sono atomi antichissimi, e ogni giorno introduciamo nel corpo cibo, acqua. Abbiamo uno scambio continuo con la Terra. Ma non ci siamo accorti abbastanza, che proprio noi stiamo inquinando ciò che siamo, ciò che mangiamo. Infatti, una grave conseguenza dell’inquinamento è la presenza sul  nostro pianeta di diossina. La diossina è il nome comune di una sostanza tossica (tetraclorodibenzo-p-diossina) formata da cloro, idrogeno, carbonio e ossigeno. È insolubile in acqua, resistente ad alte temperature e si decompone con un processo  lungo centinaia di anni ed è dovuta all’incenerimento di rifiuti contenenti cloro.

Essa per colpa dei fumi, si deposita nel terreno, e finisce nel ciclo alimentare. Oggi l’inquinamento è aumentato , anche perché vi è stato una notevole riduzione di piante e i l’acqua dei mari si sta acidificando è quindi non è più in grado di assorbire e fare sparire l’anidride carbonica.

L’ecologia però è anche lo studio delle interazioni dei viventi con gli oggetti e le persone. E tutto ciò, si svolge all’interno del bioma per eccellenza, la Terra. ma il bioma da cosa è formato? Alla base vi sono le specie: individui simili che si possono fecondare e dare luogo a una prole fertile, che formano la popolazione, che a sua volta va a formare le comunità, le quali formano l’ecosistema Terra. L’ecologia però è anche lo studio delle relazioni degli esseri viventi con l’ambiente. L’ambiente può essere considerato come la parte fisica della Terra, costituita da acqua, aria,  terra, parte biotica.image1

Un esempio che ha avuto rilevanza nella nostra zona, è stata la fabbrica CAFFARO di Brescia che negli anni ‘80 ha prodotto migliaia di tonnellate di Pcb, che al pari della diossina , è altamente inquinante . Essa traeva energia idrica grazie allo sbarramento del fiume Caffaro a Ponte Caffaro; ma lo stabilimento che era a Brescia era in una zona limitrofa ad una scuola. Questa fabbrica inquinava molto, infatti i bambini e le maestre della scuola vicina iniziarono a sentirsi male. La fabbrica in seguito fu chiusa. E i terreni vicini furono analizzati e furono dichiarati altamente inquinati. Ma, tutt’oggi, i terreni e le falde acquifere, non sono state ancora bonificate .Questa fabbrica ha avuto un impatto devastante sull’ambiente naturale. Si può parlare di impronta ecologica nel senso che è gli effetti che essa ha provocato, saranno smaltiti dalla Terra in moltissimi anni. Naturalmente la Terra riesce a “eliminare” i beni biodegradabili e non quelli non biodegradabili. L’ecologia , tuttavia, è anche il voler salvare il pianeta, salvare tutti gli ambienti. Oramai l’inquinamento ha ridotto in modo drastico le biodiversità; e questo è solo un altro punto a nostro svantaggio… si è calcolato che se dovessimo continuare così e non ci dovesse essere un cambiamento drastico, le risorse terminerebbero nel 2050. Il danno ecologico va di pari passo anche con lo sfruttamento dell’uomo (lavoro minorile, sfruttamento della manodopera, infanzia violata…)

L’Ecologia quindi è una scienza molto aperta al mondo e agli eventi che lo riguardano. È una scienza che si occupa di proteggere il nostro ambiente, la nostra casa e la nostra Terra. Ognuno di noi deve agire e dobbiamo proteggerci a vicenda, invece di pensare a fare le guerre.”

Alessandro Facchetti
Jessica Cadenelli

» Nascondi

 

facebook1


 Collaborazione  sempre più stretta tra scuola e territorio

Pubblichiamo l’intervento del professor Sergio Apollonio dell’istituto Battisti di Salò relativo alla proficua collaborazione tra la scuola e la Secoval di Vestone.

image2Continua la collaborazione del nostro Istituto con Secoval. Nel mese di gennaio 2016 gli studenti delle quinte corso CAT (costruzione ambiente territorio, ex geometri) hanno incontrato, per un corso di formazione di 6 ore, l’architetto Marano dello staff della società Secoval SRL, società per la gestione dei servizi comunali per  la Valle Sabbia e per altri comuni del bresciano.

Obiettivo del corso è stato quello di far conoscere i servizi da erogati da Secoval sia ai cittadini che ai professionisti (fra i quali i geometri) e soprattutto gli strumenti che questi ultimi hanno a disposizione per la presentazione di pratiche allo Sportello Telematico delle istanze edilizie nei comuni coinvolti.

Il lavoro si è svolto inizialmente presentando ai nostri studenti il portale gestito da Secoval (www.prometeo.secoval.it) con una visione delle cartografie tematiche e di base, pubblicate presso il SIT, e le modalità di consultazione e interrogazione delle mappe.

image1Successivamente si sono simulate la redazione del Certificato di Destinazione Urbanistica e la compilazione del modulo richiesta di un permesso di costruire, da presentare per la costruzione di un nuova edificio residenziale.

Con il supporto tecnico del portale cartografico e con la documentazione allegata al Certificato di Destinazione Urbanistica creato, si è pure simulata la compilazione della “Relazione tecnica di asseverazione” con un approfondimento del capitolo dedicato ai vincoli d’uso del territorio.

Gli incontri, di carattere prettamente tecnico, hanno consentito agli alunni di misurarsi con pratiche che potrebbero incontrare nella loro futura professione.

Anche questo corso rientra nell’ottica del ns istituto di formare un tecnico del territorio pronto alle nuove richieste che questo avanza.

Sergio Apollonio

facebook1

 

 


 

C’è posta per “BattistiNews”

“BattistiNews” si apre a tutti gli studenti e docenti del nostro Istituto con una nuova iniziativa.
Da oggi avremo una rubrica: “C’è posta per BattistiNews” nella quale daremo spazio a idee, proposte, consigli e lettere riguardanti ciò che accade all’interno dell’ambito scolastico, al fine di dare importanza alle vostre voci.
Volete segnalarci un evento? Volete condividere delle esperienze significative? Cercate altri studenti per condividere una passione? Ci sono delle problematiche all’interno della scuola che volete segnalare? Scriveteci a battistinews2015@gmail.com.foto di BattistiNews.

Ricordiamo che “BattistiNews” è un progetto intrapreso dagli studenti all’inizio di quest’anno scolastico, che ha come fine la raccolta e la diffusione di notizie riguardanti l’istituto e funziona come un vero e proprio ufficio stampa.
Attendiamo le vostre E-mail.
Per info è possibile contattarci:
E-mail: battistinews2015@gmail.com
Redazione: 338 8458053
Facebook: BattistiNews
Per contattare l’Istituto: 0365/41213
Salò, 20/01/2016

facebook1

 


 

Dialoghi con Urania all’ I.T.S Cesare Battisti di Salò

Opportunità per il futuro: imprenditoria e cultura sul Garda bresciano.

uraniaUrania è una figura della mitologia greca, figlia di Zeus e di Mnemosine. Era la musa dell’astronomia e della geometria. Viene rappresentata vestita di un abito azzurro, coronata di stelle, mentre sostiene con le mani un globo che sembra misurare. Vicino alla musa vengono posti strumenti matematici. Dunque una musa studiosa, operativa, attenta al reale.

Il nome dato alla rassegna che si svolgerà all’I.T.S Cesare Battisti di Salò è focalizzato sulle finalità del progetto che, come spiega il Dirigente Scolastico Prof. Gian Luca Chiodini, vuole essere quello di diffondere fra i giovani la cultura d’impresa e di favorire lo sviluppo dello spirito imprenditoriale attraverso l’attivazione di esperienze pratiche di apprendimento.

Il progetto vuole essere un’occasione di approfondimento e di riflessione sui rapporti tra scuola e mondo del lavoro e un’occasione di potenziamento delle attività di alternanza scuola-lavoro già da tempo presenti nella realtà operativa del nostro Istituto.

» Continua a leggere...

Alleghiamo il calendario degli interventi che riguarderanno le classi del triennio.


 

Lunedì 01/02/16

  • ORE 9,00 – 12,00 Auditorium

Dott. Giacomo Stabiumi (Ingegnere – Direzione di stabilimento Valsir s.p.a., Vestone): “Il percorso di sostenibilità di Valsir, OLI e Marvon”

  • ORE 10,00 – 12,00 Biblioteca

Fausto Dester (Florovivaista) e Graziella Belli (Geometra): “Progettazione spazi verdi”


 

Martedì 02/02/16

  • ORE 13,00 – 14,00 Biblioteca

Dott.ssa Micol Dusi (Avvocato): “Albergo diffuso”


 

Mercoledì 03/02/16

  • ORE 9,00 – 11,00 Auditorium

Dott.ssa Maria Paola Pasini (Giornalista): “I siti bresciani dell’UNESCO, traguardi e prospettive”


 

Giovedì 04/02/16

  • ORE 9,00 – 12,00 Auditorium

Comune di Salò: Dott. Giuseppe Iovene (Segretario Generale), Dott. Flavio Casali (Responsabile Area Servizi alla persona e programmazione culturale) e Geom. Angelo Del Miglio (Direttore Settore Manutentivo): “Le buone prassi nell’amministrazione locali nel Comune di Salò”

  • ORE 10,00 – 12,00 Biblioteca

Dott. Giovanni Cigognetti (Architetto): “Dal Piano Regolatore Generale al Piano di Governo del Territorio


 

Venerdì 05/02/16

  • ORE 9,00 – 11,00 Auditorium

Dott.ssa Valentina Gosetti (Junior Research fellow St. Anne’s College di Oxford): “Transferre, traduzione poetica per la salvaguardia e la promozione delle lingue minoritarie”

  • ORE 11,00 – 13,00 Biblioteca

Patrizia Fratus (Artista): “Arte relazionale”

  • ORE 13,00 – 14,00 Biblioteca

Dott.ssa Micol Dusi (Avvocato): “Albergo diffuso”


 

Sabato 06/02/16

  • ORE 9,00 – 10,00 Biblioteca

Dott. Luca Mondinelli (Ingegnere): “La regolazione dei grandi laghi: Garda – Idro”

  • ORE 10,15 – 12,00 Auditorium

Staff Garda Uno: “Garda Uno lab”


 

 

Capoferri Arianna & Draoui Selma

» Nascondi

 

facebook1

Battisti “Porte Aperte”

Il  19 dicembre 2015 e la settimana compresa tra lunedì 11 e venerdì 15 gennaio 2016 la nostra scuola è stata protagonista dell’iniziativa “Battisti porte aperte”, che fa parte del progetto di “Orientamento in entrata” coordinato dalle Prof.sse  Bianchini e Pezzola.orientamento

Al “Battisti porte aperte” hanno partecipato 143 ragazzi.

Le lezioni, rivolte ai partecipanti, sono state calibrate in base alle loro competenze.

Infatti l’obiettivo dell’Istituto Tecnico è quello di formare le “menti d’opera”, sempre più richieste dal progresso scientifico e tecnologico. Ciò che connota gli Istituti Tecnici è l’obiettivo di far acquisire le padronanze di competenze scientifiche e tecnologiche che consentano al diplomato tecnico di interpretare, partecipare, gestire e coordinare processi produttivi caratterizzati da innovazioni continue, anche in una prospettiva di sviluppo.

Si è così deciso di puntare soprattutto su lezioni in laboratorio che coinvolgessero in modo interattivo i futuri studenti del nostro Istituto.

É stato un lavoro impegnativo sotto il profilo organizzativo-didattico.

Da anni, appunto, l’ITS Battisti si distingue per il numero crescente di laboratori all’avanguardia che vengono utilizzati nella quotidianità delle lezioni.

I docenti impegnati a questo progetto sono stati 25 e pertanto si ringraziano per la loro disponibilità.

Awa Thioube & Selma Draoui

 

facebook1

 


Perché l’indirizzo turistico oggi?

L’Istituto Cesare Battisti di Salò, come abbiamo già precedentemente illustrato, vanta numerosi indirizzi di studio. Tra questi anche il “TMO” (Turismo) che mette al centro della propria attività didattica la formazione turistico-culturale. Abbiamo rivolto alle professoresse Anna Bianchini e Amalia Bigi la seguente domanda: “Perché scegliere l’indirizzo turistico oggi?”.TMO

 

Professoressa Bianchini: “E’ un corso vivace e particolare che offre l’opportunità di entrare in contatto con più settori lavorativi. Infatti, permette di sviluppare competenze e conoscenze relative al mondo del turismo, dell’arte, delle lingue (che sono molto importanti) e, anche se in misura inferiore, dell’economia. Il turismo, nella società di oggi, nonostante la crisi e l’aumento del tasso di disoccupazione, resta uno dei settori più attivi. I turisti, infatti, ci saranno sempre, specialmente in Italia che può essere considerata la “culla della cultura”. Questo corso,  inoltre, permette di fare degli approfondimenti nell’ambito della natura e dell’arte. Nel nostro Istituto, al riguardo, sono stati promossi due progetti: uno con il FAI (Fondo Ambiente Italiano), dal titolo “Salviamo un monumento per un giorno” e l’altro con il “Festival della Letteratura  di Mantova”, a cui hanno partecipato alcuni ragazzi del nostro Istituto.  In particolare, la XIX edizione di questo festival, che si è svolta dal 9 al 13 settembre, ha visto anche la partecipazione delle “magliette blu” del nostro Istituto.”

 

Professoressa Bigi: “Innanzitutto perché ci troviamo in una località turistica che offre lavoro in questo settore.  Infatti, molti tra gli alunni che hanno concluso gli studi di questo corso, senza poi frequentare l’Università, hanno già un’occupazione, anche stagionale (campeggi, hotel); altri ancora si sono trasferiti in Trentino Alto-Adige per lavoro. Il corso turistico è interessante e utile, in quanto permette di entrare in contatto con la realtà internazionale e di aprire la mente a 360°.  La costa bresciana in particolare, se messa a confronto con quella veronese o trentina,  ha bisogno di un nuovo impulso in questo settore, impulso che può essere dato da un diplomato nel settore turistico che  potrebbe portare la propria competenza e la propria iniziativa nel nostro territorio.”

Arianna Capoferri & Stefania Scalvini

 

facebook1

 


Secondo Battistiday: momenti dell’incontro scuola-territorio

Open day: atto secondo. Sabato 19 dicembre presso l’Auditorium del ITS Cesare Battisti di Salò si è tenuto il secondo di tre Open Day (il prossimo il 9 gennaio) dedicato ai ragazzi che devono orientarsi in vista della scelta della scuola secondaria superiore. L’Istituto ha aperto le porte ai ragazzi e il bilancio è stato certamente positivo. L”incontro si è articolato in due fasi: una generale che ha visto la presentazione di alcuni aspetti organizzativi e laboratoriali dell’ Istituto, e una più specifica , in cui è stata fatta la presentazione dei singoli corsi. Il dirigente scolastico prof. Chiodini ha fatto gli onori di casa e ha spiegato le modalità dell’incontro.

» Continua a leggere...

La vice preside prof.ssa Michelini si è soffermata particolarmente sulle modalità e sulla tempistica dei rapporti scuola- famiglia che avvengono sia attraverso i canali tradizionali (libretto, colloqui settimanali e colloqui quadrimestrali con i docenti, telefonate), sia attraverso il sito web dell’Istituto che permette la trasparenza durante tutte le fasi in cui si articola la routine scolastica. Il professor Scarlassara, responsabile della rete di istituto ha sottolineato il potenziamento della stessa che in questi anni è stato fatto per implementarne l’efficacia . Il potenziamento in particolare ha riguardato sia i PC dei laboratori che la rete stessa. Il professor Gangemi, responsabile del percorso formativo dell’Alternanza Scuola Lavoro ha evidenziato come, nonostante la normativa sia diventata particolarmente stringente solo quest’anno, il nostro Istituto già da tempo si sia mosso in questo senso e ha potuto così contare su una banca dati di aziende , di enti pubblici, di liberi professionisti già pronti a collaborare con il Battisti. Dal punto di vista organizzativo il prof. Gangemi ha ricordato che l’Istituto sta progettando l’ informatizzazione della procedura per semplificare l’approccio Scuola Aziende Studenti.foto di BattistiNews. La prof.ssa Pialorsi, responsabile del progetto “Professione giornalista”, coadiuvata dalla giornalista Maria Paola Pasini, esperta di riferimento , ha presentato questa iniziativa partita con il nuovo anno scolastico e ricca di opportunità formative e professionalizzanti al tempo stesso. Si tratta di un laboratorio extracurricolare che viene però spiegato alle famiglie per mostrare all’esterno la voglia di fare, la volontà di sperimentare, di mettersi in gioco, l’energia positiva presente nella scuola. La professoressa ha sottolineato come ,durante le visite in azienda , (PMI day), i responsabili del settore commerciale, venuti a conoscenza che nel nostro Istituto era stato creato un ufficio stampa, abbiano valutato molto positivamente questa iniziativa proprio perché le aziende oggi, hanno bisogno di figure che siano in grado di svolgere lavoro di marketing e di comunicazione con l’esterno. Il laboratorio inoltre darà un credito scolastico e sarà inserito nel percorso della Alternanza Scuola Lavoro. La giornalista Maria Paola Pasini ha sottolineato l’aspetto della ricaduta professionale. E’ un quid in più che si aggiunge alle competenze professionali già fornite dalla scuola. La giornalista invita pertanto le famiglie a consultare le pagine create dai ragazzi e a prendere contatti col Battistinews. Anche i ragazzi si sono espressi al riguardo evidenziando che questa attività ha fatto capire loro come scrivere sia un lavoro attivo di ricerca, di raccolta di dati, di rielaborazione critica e creativa. Si impara a scrivere sul campo e a essere curiosi. Si impara a gestire i contatti e a collaborare. La responsabile del progetto ha evidenziato come queste attività mettano in moto energie (come l’attività teatrale) e pongano al centro della scuola i ragazzi con i loro sogni e le loro attitudini senza nulla togliere ovviamente alla funzione fondamentale e professionalizzante svolta durante le ore curricolari . E ‘stato infine il momento del teatro, progetto seguito ormai da anni con passione dalla prof.ssa Bianchini e dal regista William Medini, membro della storica dinastia circense dei Medini. e il cui percorso artistico inizia nel circo, passa per il teatro di strada e arriva alla regia. Medini scrive e mette in scena spettacoli corali per allievi e professionisti. E’ docente presso la Scuola di Teatro “Teatri Possibili Milano”, conduce laboratori teatrali nelle scuole, insegna la clowneria nelle scuole di teatro. Nell’auditorium studenti e genitori hanno assistito a pillole di teatro di notevole potenza evocativa basate sul linguaggio del corpo, su una prossemica individuale e al tempo stesso corale di forte impatto nella quale i gesti, il comportamento, lo spazio, le distanze ,sono inseriti all’interno di una comunicazione verbale e non, che non può non rendere partecipi gli spettatori. Applauditissimi i giovani attori e la scenografia essenziale, ma suggestiva.
Al termine dell’incontro generale ha avuto inizio la seconda fase: la presentazione approfondita dei vari indirizzi e dei corsi che li caratterizzano. Abbiamo deciso di raccontarvi la seconda parte attraverso brevi, ma significative interviste ai docenti intervenuti.

» Nascondi

facebook1

 


Intervista alla professoressa Pezzola

foto di BattistiNews.Abbiamo posto la domanda “Perché scegliere il settore economico oggi?” alla prof.ssa Pezzola. Ecco la risposta:
Perché scegliere il settore economico oggi?

• Il settore economico è importantissimo perché noi viviamo in un ambiente circondato dall’economia. E chi soddisfa i nostri bisogni? Le imprese che producono beni e servizi; di conseguenza, il settore economico non potrà mai essere accantonato o messo da parte, o perdere di importanza, perché tutti noi avremo comunque bisogno di persone che svolgano questa attività.
Se produco un bene o un servizio devo avere bisogno non solo di addetti e operai che materialmente producono questi beni, ma devono esserci anche delle figure in grado di gestire, commercializzare, amministrare e registrare tutte le operazioni.
Per cui il settore economico sopravvivrà sempre fino a quando esisterà l’uomo, eccetto il caso in cui si dovesse ritornare all’economia iniziale dell’uomo primitivo, cioè il baratto in cui si ha lo scambio di bene con bene.
Ma pensiamo ad un economia di mercato come la nostra e in un mondo nel quale abbiamo sempre più bisogni, spesso indotti dalla pubblicità, dal marketing. Finché avremo sempre bisogno di beni e servizi, avremo sempre imprese che dovranno fornirli. E queste imprese avranno bisogno di una rete, fornita non solo da dipendenti di imprese, ma anche da banche, assicurazioni e aziende nel settore terziario e terziario avanzato. È abbastanza evidente che il settore economico sia essenziale nella nostra società.

Alessandro Facchetti

facebook1

 


Noi siamo CHIMICA

Intervista alla prof.ssa Cannariato

foto di BattistiNews.Abbiamo intervistato la prof.ssa Cannariato e le abbiamo posto questa semplice domanda “Perché il settore chimico oggi?”
Ricordiamo che l’indirizzo chimico è partito proprio quest’anno e quindi abbiamo ritenuto opportuno approfondire particolarmente questo nuovo corso.

Perché il settore chimico oggi?
È molto semplice, noi siamo chimica, già questo ci dice perché il chimico oggi, inoltre viviamo in un mondo di chimica, ci alziamo la mattina utilizziamo composti chimici, ci laviamo, utilizziamo bagnoschiuma, saponi che derivano da reazioni chimiche, molte delle cose che usiamo derivano dal petrolio e quindi anche lì da reazioni chimiche. Andiamo a fare colazione, mangiamo gli alimenti che cuociamo e anche in questo caso si ha una reazione chimica. Il gas bruciando produce una reazione chimica dando origine al calore. Noi siamo chimica, immersi in un mondo di chimica, gli alimenti sono composti chimici naturali, mentre i vestiti che indossiamo e la plastica, le biro e tutto ciò che viene utilizzato per costruire i computer, e i telefonini, vengono tutti dalla chimica. Già questo ci dice perché è importante il chimico oggi. L’indirizzo chimico e anche le materie biologiche sono importanti perché la chimica è molto utile, ma al tempo stessa può essere dannosa per l’ambiente è quindi bisogna conoscerla perché conoscendo i materiali possiamo prevenire i danni all’ambiente.

» Continua a leggere...

Cosa può fare un diplomato in Biotecnologie generali?
Può lavorare presso i laboratori che si occupano di alimentazione e quindi nel settore agro-alimentare.
Può fare il tecnico di laboratorio chimico normale e di analisi ambientale come per esempio l’analisi delle acque potabili oppure delle acque reflue. Può anche partecipare ai concorsi delle forze armate
Può lavorare anche nelle scuole come tecnico di laboratorio.
È ovvio che per poter frequentare questo indirizzo bisogna avere in particolar modo una propensione alle materie scientifiche.

Intervista ad alcuni studenti della 1^A CMB

Perché la scelta di questo indirizzo scolastico?
Gli alunni della 1^A CMB affermano di aver scelto quest’ indirizzo scolastico in quanto incentrato
prettamente sulle materie scientifiche, per le quali provano interesse, e perché lo ritengono utile per il loro futuro lavorativo o di studi (es. continuazione degli studi in infermieristica,..)

Come vi siete trovati in questi primi mesi di scuola?
I ragazzi al momento si trovano bene per quanto riguarda lo studio di materie scientifiche. In particolare apprezzano la chimica e i primi esperimenti nel laboratorio di chimica sono stati per loro utili, interessanti e con dei risultati soddisfacenti. Attualmente le materie in cui trovano più difficoltà sono le materie al di fuori dell’ambito scientifico, mentre trovano interessante lo studio della fisica e delle scienze.

Pensate che questo indirizzo vi possa essere utile per il futuro?
Gli studenti affermano di aver riflettuto anche sulle possibilità lavorative o di studio post diploma nel momento in cui hanno dovuto scegliere a quale istituto superiore iscriversi, e hanno ritenuto che questo indirizzo possa offrire loro degli sbocchi interessanti.

Momenti nel laboratorio di chimica

Al secondo dei tre Battisti-Day in programma, il professore Illiano, con l’aiuto di alcuni alunni e del tecnico di laboratorio, ha mostrato delle reazioni chimiche attraverso degli esperimenti (produzione di CO2, estrazione di un indicatore naturale, saggio alla fiamma e reazione con catalizzatore).

Erika Morselli
Awa Thioube
Greta Scudellari
Arianna Capoferri

» Nascondi

 facebook1

Intervista ai professori Apollonio e Scarlassara

foto di BattistiNews.Abbiamo rivolto la domanda “perché scegliere il CAT oggi” al prof. Apollonio a al prof. Scarlassara e la risposta è la seguente:

Il settore CAT consente ad un futuro diplomato di questo settore di svolgere una funzione di “cuscinetto” tra Stato e famiglie e un’attività di libero professionista.
Il diplomato può svolgere attività di libero professionista, dopo praticantato ed esame di abilitazione; le sue principali mansioni sono:
• Assistenza a notai ed avvocati ;
• Libera professione;
• Collaborazione con istituti bancari;
• Perito per le compagnie di assicurazione;
• Denuncia presso il Catasto degli immobili, delle variazioni nei terreni e delle proprietà;
• Rilievi topografici con successiva restituzione;
Nell’ambito edilizio:
• Progetta edifici e ne cura la manutenzione e sicurezza;
• Collabora con ingegneri, geologi e architetti;
• Gestisce i cantieri e la loro sicurezza;
• Gestisce le pratiche edilizie;

» Continua a leggere...


Dopo appropriato corso ed esame finale, presso la Camera di Commercio, può svolgere le seguenti prestazioni:
• Amministratore di condominio;
• Certificatore energetico;
• Valutatore immobiliare;
Quest’anno per gli alunni delle nostre classi quinte è previsto un corso di 10 ore sulla gestione del Condominio.
Il diplomato CAT può svolgere lavoro dipendente presso:
• Studi professionali;
• Banche;
• Assicurazioni;
• Pubblica Amministrazione;
• Istituti scolastici superiori.
Il nostro Istituto prevede corsi di Autocad e Revit e si sta sforzando di educare i nostri alunni alla conoscenza del paesaggio per la sua tutela.
In un Paese come il nostro dove la burocrazia è estremamente complessa, il lavoro del “Geometra” è prezioso perché svolge una funzione di “cuscinetto” tra Stato e Famiglie risolvendo i mille problemi quotidiani.
È una professione polivalente e quando è mancato il flusso dell’edilizia, il geometra ha dimostrato flessibilità e capacità di adattamento, assumendosi altri ruoli e competenze.

Alessandro Facchetti
Simone Dossi

» Nascondi


19 Dicembre 2015 Open Day al Battisti

Sabato 19 Dicembre 2015 alle ore 15:00 l’ITS “C. Battisti” di Salò (Via IV Novembre 11) organizza il secondo di tre Open Day dedicati ai ragazzi che devono orientarsi in vista della scelta della scuola secondaria superiore.
La scuola apre le porte ai ragazzi di terza media, con l’obiettivo di esporre i diversi percorsi professionalizzanti, formativi, educativi e le attività extracurriculari svolte al suo interno.
Alle ore 15:00 ci sarà una presentazione generale di tutte le attività svolte dall’Istituto, seguirà poi la presentazione dei singoli corsi.
Il Battisti News sarà presente all’open-day offrendo informazioni sulla propria attività e intervistando i partecipanti.
Vi aspettiamo numerosi.

facebook1

 


COMUNICATO STAMPA

“BattistiNews” all’open-day del Battisti: bilancio positivo. Il 19 Dicembre si replica
foto di BattistiNews.“BattistiNews” all’open-day del Battisti: bilancio positivo.
Il 19 dicembre si replica
L’ ufficio stampa è stato protagonista all’open-day dell’ITS Cesare Battisti, che si è svolto sabato 28 novembre, presso la sede dell’Istituto di Salò (Via 4 Novembre, 11) con lo scopo di presentare i diversi indirizzi scolastici.
Il progetto extracurricolare del Battisti ha riscosso notevoli apprezzamenti da parte delle persone che hanno visitato l’aula 70, location dell’ ufficio stampa.
“BattistiNews” ha come obiettivo la raccolta e la diffusione di notizie riguardanti l’Istituto. Al lavoro un gruppo di studenti che operano nell’ambito di un laboratorio sulla base di un progetto elaborato dalla scuola stessa. L’iniziativa funziona come un vero e proprio “ufficio stampa” con settori operativi diversi (segreteria, scrittura, social, grafica, foto/video). Gli studenti-giornalisti sono a disposizione degli operatori dell’informazione che vogliano dare rilievo alla scuola. BattistiNews diffonde segnalazioni e notizie relative a eventi, iniziative, progetti e personaggi riguardanti l’ITS Cesare Battisti di Salò. Nel corso dell’open-day di sabato diversi genitori e studenti hanno mostrato interesse e attenzione per questa iniziativa. Ecco alcune opinioni.
Susanna e Fausto di Villanuova (genitori): “E’ un iniziativa che offre sia un’opportunità di crescita, sia una possibile apertura verso il mondo del lavoro”;
Michela, Lara e Danilo di Gavardo (famiglia): “Se quest’iniziativa si rivela efficiente e funziona bene, può rivelarsi davvero utile”;
Mario di Idro (padre):Complimenti! E’ un progetto interessante e coinvolgente, questo si nota soprattutto dall’entusiasmo dei ragazzi”.

» Continua a leggere...

IMG-20151128-WA0022 (2)
Nell’aula 70 gli studenti hanno predisposto alcune macchine da scrivere “storiche” (recuperate nei depositi dell’Istituto) che attestano l’evoluzione degli strumenti dell’informazione nel giro di pochi decenni.
Numerose persone hanno conosciuto l’esperienza del “BattistiNews”, ma non finisce qui…
Sabato 19 Dicembre dalle 15:00 alle 19:00 l’Istituto ITS Cesare Battisti di Salò (Via 4 Novembre, 11) organizza il secondo di tre open-day, dedicati ai ragazzi che devono orientarsi in vista della scelta della Scuola secondaria superiore. Il terzo appuntamento è fissato per Sabato 9 Gennaio 2016.
Vi aspettiamo numerosi!IMG-20151128-WA0017

IMG-20151128-WA0016
Per info e suggerimenti è possibile contattarci:
E-mail: battistinews2015@gmail.com
Redazione: 3388458053
Facebook: BattistiNews
Per contattare l’Istituto: 0365/41213

» Nascondi

facebook1


 

6ª Rassegna internazionale del paesaggio e del giardino.

Anche quest’anno l’Istituto C. Battisti c’era!

foto di BattistiNews.

Nell’ambito della 6ª RASSEGNA INTERNAZIONALE DEL PAESAGGIO E DEL GIARDINO, organizzata dall’associazione I Giardini del Benaco, sei studenti delle classi quinte della sezione A e B del Corso CAT (Davide Cerqui, Matteo Consolini, Greta Dossi, Martina Sassi, Fabio Fracasso e Leonardo Quinzani) hanno partecipato ad uno WORKSHOP a numero chiuso, riservato a professionisti (architetti, ingegneri, geometri) e a studenti universitari, sulla “Riqualificazione paesaggistica della strada provinciale 572 Salò-Desenzano, che attraversa l’area vitivinicola della Valtenesi sul lago di Garda”.

» Continua a leggere...

Durante le due giornate di studio (1 e 2 OTTOBRE 2015 c/o la sala Alberto Valerio del Municipio MONIGA DEL GARDA) sotto la guida dell’architetto paesaggista Ippolita Nicotéra dello studio internazionale di paesaggismo TOPOTEK 1 di Berlino, è stato affrontato il tema della riqualificazione paesaggistica della strada provinciale 572 Salò-Desenzano. Un consumo sfrenato di suolo, interventi infrastrutturali realizzati per la sicurezza viabilistica hanno ridotto questa strada da percorso panoramico, paesaggisticamente molto curato e realizzato nella prima metà del ‘900 per favorire il nascente turismo, ad arteria di rotatorie, strutture ed esposizioni commerciali, cartelli pubblicitari e disordine percettivo tipico dell’incuria delle periferie. Il problema proposto era una significativa sfida per tutti i soggetti coinvolti visto che la letteratura in merito a cui far riferimento è quasi inesistente.

L’arch. Nicotéra è stata affiancata da specialistici sui temi della pianificazione territoriale, sull’uso della vegetazione nel paesaggio, sull’applicazione del colore come elemento di riqualificazione delle architetture e sulle tecniche di comunicazione nel territorio.

Dopo aver disaggregato il tema in ambiti specifici di possibile intervento i partecipanti, suddivisi in gruppi operativi comprendenti equamente sia professionisti che studenti, hanno iniziato ad elaborare linee guida per un intervento di recupero/riqualificazione del paesaggio collinare. Il lavoro di ciascun gruppo, proseguito autonomamente oltre le due giornate di workshop, si è concretizzato in proposte operative che sono state presentate lo scorso 27 novembre agli organizzatori, ai rappresentanti dell’Unione Valtenesi e al Consorzio Valtenesi.
Gli studenti hanno così avuto l’opportunità di cimentarsi in una prestazione di lavoro, di acquisire nuove competenze ed abilità collaborando con professionisti e studenti universitari, ai quali hanno però trasmesso la freschezza delle proprie idee.

Finita l’esperienza di questo workshop abbiamo intervistato gli studenti partecipanti per verificare la produttività di questo progetto.

•Vi aspettavate che il corso CAT vi desse un’opportunità di questo genere?

Matteo Consolini e Davide Cerqui: Sì, perché già dall’anno scorso i professori ci avevano parlato di questa possibilità.

•Avete ritenuto significativi per la vostra formazione professionale gli interventi degli specialisti durante le due giornate di workshop?

Matteo Consolini: È stato importante lavorare accanto a dei professionisti perché ci hanno fatto vedere il lavoro dell’architetto e del geometra sotto un’altra ottica, più pratica totalmente differente da quella scolastica. Pensiamo di aver acquisito nuove competenze ed abilità utili per il nostro futuro lavoro professionale.

•Come vi siete sentiti accolti nei gruppo di lavoro di cui facevate parte?

Davide Cerqui: Nel mio gruppo, mi sono trovato molto bene perché ci coinvolgevano e chiedevano il nostro parere anche se loro erano dei professionisti.
Matteo Consolini: Anche noi abbiamo trovato un bel gruppo in cui ci siamo trovati molto bene e da cui successivamente è nata anche un’amicizia.

•Siete stati soddisfatti di come il lavoro del vostro gruppo è stato accolto dal tutor arch. Nicotéra e dagli amministratori presenti alla presentazione del 27/11?

Matteo Consolini: Il tutor Nicotéra è senza dubbio un architetto valido, ma durante il lavoro di gruppo non mi sono sempre trovato d’accordo con le sue idee.

•La partecipazione allo workshop vi ha dato suggerimenti, stimoli per le vostre future scelte di studio o lavoro?

Matteo Consolini e Davide Cerqui: Sicuramente non faremo gli architetti.

(ndr. questa risposta ci ha un po’ spiazzato!)

•Sareste interessati alla partecipazione a future edizioni di workshop nell’ambito della RASSEGNA INTERNAZIONALE DEL PAESAGGIO E DEL GIARDINO o ad altri workshop pertinenti al vostro curriculum scolastico?

Tutti: Sì, perché comunque è stata una bella e interessante esperienza.

•Consigliereste ai vostri colleghi più giovani la partecipazione a futuri workshop nell’ambito della RASSEGNA INTERNAZIONALE DEL PAESAGGIO E DEL GIARDINO o ad altri workshop pertinenti il loro curriculum scolastico?

Matteo Consolini e Davide Cerqui: Sì, perché in questo modo possono capire come applicare le cose studiate a scuola all’ambito lavorativo che è una cosa completamente diversa.

Erika Morselli e Awa Thioube

» Nascondi

facebook1

 


 

COMUNICATO STAMPA

L’ISTITUTO ITS Cesare Battisti si apre al territorio.

foto di BattistiNews.Lo scopo di questo comunicato è quello di ricordare che Sabato 28 Novembre dalle 15:00 alle 19:00 l’Istituto ITS Cesare Battisti di Salò (Via 4 Novembre, 11) organizza il primo di tre open-day, dedicati ai ragazzi che devono orientarsi in vista della scelta della Scuola secondaria superiore.
Vi aspettiamo numerosi!!

Per info e suggerimenti è possibile contattarci:
E-mail: battistinews2015@gmail.com
Redazione: 3388458053
Facebook: BattistiNews
Per contattare l’Istituto 0365/41213

facebook1

 


 

Le piccole e medie imprese incontrano i giovani.

foto di BattistiNews.

Imprese aperte agli studenti nei giorni 13 e 14 novembre.

Grazie alla sesta edizione del progetto “Industriamoci”, circa 5700 studenti e insegnanti provenienti da 43 scuole hanno visitato un’azienda tra le 83 aderenti al progetto. Quest’iniziativa, promossa dall’Aib, offre ai giovani l’opportunità di toccare da vicino la realtà del mondo del lavoro e delle imprese produttive del Bresciano. IL PMI DAY prevede visite guidate alle produzioni e ai servizi interni all’attività aziendale, con l’obiettivo di avvicinare “due mondi spesso troppo distanti”, quali la scuola e il lavoro.

» Continua a leggere...


Negli anni passati, la partecipazione a questo progetto era minima (ad esempio, nel 2010 aderirono solo 12 aziende e 980 ragazzi) mentre oggi, grazie all’alternanza scuola-lavoro, ha avuto modo di crescere.
Quest’anno, nel nostro Istituto, hanno preso parte al progetto 15 classi (terze e quarte dei vari indirizzi).
Le aziende ospitanti sono state:
Fleming Tecna SRL (Brescia)
Teseo SRL (Desenzano del Garda)
S4win SRL (Brescia)
Automazioni Industriali Capitanio (Torbole Casaglia)
Fonti di Vallio SRL (Vallio Terme)
Fasternet (Borgosatollo)
Saef SRL (Brescia)

Abbiamo raccolto giudizi molto positivi da parte degli studenti nei confronti di queste visite. In particolare, si è osservato che:
la conoscenza delle lingue straniere è fondamentale nelle imprese in quanto si richiedono persone capaci di comunicare anche con l’estero;
la capacità di relazionarsi e il lavoro di gruppo sono indispensabili per il raggiungimento degli obiettivi aziendali e anche di realizzazione personale;
l’apprendimento permanente è estremamente importante: bisogna imparare ad auto-aggiornarsi costantemente, per restare al passo con un mercato che cambia ad un ritmo a volte imprevedibile.

Awa Thioube
Arianna Capoferri
Greta Scudellari

» Nascondi

facebook1

 


 

La scrittura che racconta l’Oltre: incontro con Leonardo Patrignani

foto di BattistiNews.

Fantascienza in auditorium. Giovedì 15 ottobre 2015, durante l’assemblea di Istituto, è stato nostro ospite Leonardo Patrignani, scrittore e musicista italiano, autore della nota trilogia Multiversum nonché doppiatore di importanti videogames come ‘Call of Duty’ e ‘Assassin’s Creed’. Al termine della sua conferenza è stato così gentile da concederci un’intervista, qui sotto riportata.

Come è iniziata la sua passione per la scrittura?
-La mia passione per la scrittura è iniziata a sei anni con dei piccoli mostriciattoli: gli “Exogini” simili ai Gormiti di oggi però negli anni Ottanta. C’erano vari personaggi così ho cominciato a scrivere storie su di loro.

» Continua a leggere...


Da dove trae ispirazione per le sue storie?
-Per le mie storie traggo ispirazione soprattutto dalla grande curiosità che ho verso l’Oltre, ogni volta che incrocio qualche articolo o contenuto che riguarda nuove scoperte o nuovi esperimenti che ci raccontano qualcosa in più sulla vita e sull’esistenza umana mi incuriosisco, così prendo spunto.

Come definirebbe il suo stile di scrittura?
-Il mio stile di scrittura in questi romanzi lo definirei abbastanza cinematografico e dinamico, punto molto sulla scena e tendo a non appesantire la scrittura. Cerco principalmente di prendere il meglio da quello che è la sceneggiatura cinematografica.

Chi sono gli autori a cui si è ispirato?
-Sì, c’è un autore che per me è Il Dio della scrittura, Stephen King e poi certamente anche altri autori. Io leggo prevalentemente thriller e fantascienza.

Quanto il suo percorso di studio ha influenzato la sua formazione e quali degli autori studiati a scuola hanno influito sulle sue scelte narrative?
-Ho frequentato il Classico, volevo seguire un percorso umanistico, mi piacevano le materie letterarie. Ho fatto un anno di psicologia, poi ho smesso in quanto avevo firmato un contratto discografico. Peccato, perché mi sono “perso” e adesso le materie psicologiche mi interessano tantissimo, al punto che me le studio da solo. Ai tempi invece, avevo i capelli lunghi e altri interessi…

Quali sono le affinità tra Heavy metal e scrittura?
-In passato avevo una band Metal, beh… C’è un’affinità colossale con la scrittura perché noi abbiamo inciso tre dischi ed io scrivevo anche i testi, la particolarità di questi dischi è che erano dei ‘concept album’, ovvero, ogni disco aveva una sua storia, per cui mi allenavo sulla struttura di un racconto.

Il rapporto tra scrittura e videogiochi?
-Per chi non lo sapesse io sono anche doppiatore di vari videogiochi. Sì, il rapporto con la scrittura c’è perché la struttura del videogioco, soprattutto recentemente, è molto cinematografica quindi mi aiuta.

“Utopia”, è un titolo preso da Tommaso Moro?
-No, ‘Utopia’ è il terzo e ultimo libro della Saga Multiversum uscito l’anno scorso. In realtà ho fatto una scelta abbastanza semplice, sono gli anni delle distopie, sono gli anni di Hunger games ecc… Quindi ho cercato di rappresentare un’utopia negativa dovuta al mondo troppo perfetto che con una parola si traduce in distopia.

Com’è il mondo dell’editoria italiana? All’estero come funziona?
-Il mondo dell’editoria italiana è in crisi perché i lettori sono sempre meno e gli ultimi dati statistici sono allarmanti. Si legge poco, quindi si vende meno. Io che ho la fortuna di poter fare paragoni con l’estero, vedo che ci sono paesi in cui si ‘viaggia’ meglio, per esempio la Francia se la passa meglio di noi, anche in base ai dati diffusi dalla fiera di Francoforte attualmente in corso. In Francia però, si lavora molto meglio sul libro, ci sono librerie indipendenti, c’è tutta una struttura, anche statale che favorisce la lettura. In Italia si tagliano i fondi, si chiudono i teatri, si chiudono le scuole di recitazione. Anche per me, il primo Paese come vendite è la Francia, secondo posto l’Argentina, Polonia e Turchia lavorano molto bene sui libri, anche se sono mercati più piccoli. Qui bisogna intervenire perché la situazione è critica.

Quali sono i generi che si vendono di più in Italia?
-In Italia come in tutti gli altri paesi ci sono i pesci giganteschi che vendono milioni di copie e si mangiano tutti gli altri. Beh… Non posso dire che il genere erotico venda più di altri però c’è un libro che in questi anni ha avuto un successo enorme: ‘Cinquanta sfumature di grigio’. In Italia vanno molto anche i romanzi realistici. In classifica solitamente si trova un thriller, spesso straniero, un noir italiano o un romanzo giovanile come: ’After’.

Consigli pratici per aspiranti scrittori?
-Il consiglio fondamentale è quello di trattare la scrittura come quello che è, ovvero una professione, quindi non ci si improvvisa. Non si scavalcano ruoli professionali più in alto del nostro, si cerca di proporre la propria ‘cosa’ in maniera il più professionale possibile. Ci sono un sacco di fiere in Italia, nelle quali si possono conoscere persone del settore e presentarsi. Se mandate una mail a qualcuno i toni devono essere quelli di una mail di lavoro, professionale. Quando scrivete, il consiglio, a parte quello di leggere tantissimo perché aiuta molto ed è fondamentale, è quello di andare alla ricerca del proprio mondo narrativo, quindi trovare quell’idea diversa da quelle precedentemente proposte.

Perché non c’è più quella correttezza morfosintattica di qualche decennio fa nella traduzione dei libri?
-Si parla di mala traduzione. Un tempo i libri erano tradotti da autori importanti. Purtroppo il problema di oggi è che nel mercato c’è una fretta terribile di finire i lavori e spesso queste traduzioni vengono affidate dall’editore ad agenzie esterne, con meno controlli.

Greta Scudellari
Enrico Gnutti

» Nascondi

 

 

 

facebook1

 


Consultazioni scolastiche: tutti gli eletti del Battisti di Salò.

Successo per la “Lista della spesa”

foto di BattistiNews.

Tre rappresentanti della lista “Lista della spesa”, uno della lista “Just do it”. Alle elezioni per la nomina dei componenti del consiglio studentesco sono stati indicati:

Benedetti Jacopo (305 voti)
Soukou Ali (202)
Pellegrini Giuly (104)
Biondo Alessandro (181)

Per quanto riguarda invece la Consulta Scolastica Provinciale, sono stati eletti:

Podavini Andrea della lista “Forza Battisti” (238 voti)
Andreoli Alberto della lista “Carpe diem” (147)

Nei giorni precedenti le elezioni, si è svolto in Istituto un vivace dibattito tra i candidati delle varie liste al consiglio studentesco. Ogni lista ha presentato agli studenti del biennio e del triennio le proprie idee e i propri obiettivi.
Due le liste si sono presentate:
La lista “Just do It” (Tommaso Signorini e Alessandro Biondo) e la lista “Lista della spesa” (Jacopo Benedetti, Ali Soukou, Giovanni Boros, Giuly Pellegrini, Stefania Ilasca, Mohamed Siher)

» Continua a leggere...


Gli obiettivi di “Just Do It”, il cui motto è “Fatti non parole”, possono essere così riassunti:
•Favorire il rispetto delle regole all’interno della scuola, mettendo in primo piano i doveri e soprattutto i diritti degli studenti.
•Favorire attività extrascolastiche di genere sportivo, economico, tecnologico, e artistico.
•Favorire in sede del consiglio d’istituto l’approvazione di viaggi d’istruzione, scambi culturali.
•Proporsi da mediatori in eventuali situazioni di conflitto tra studenti e docenti.
•Favorire l’organizzazione mensile di assemblee di classe per migliore il dialogo e l’interazione tra gli alunni.
•Richiedere al Comune il permesso per organizzare una giornata dello sport presso il campo sportivo di Saló, al fine di indire campionati studenteschi.
•Richiedere l’accesso ai piani di co-investimento previsti dalla riforma della Buona Scuola, al fine di portare in tutto l’Istituto una connessione a banda larga veloce.
•Essere portavoce degli studenti in materia di eventuali problemi relativi a impianti e attrezzature scolastiche
•Usufruire del diritto di assemblea d’istituto regolarmente nel corso dell’anno per trattare temi di vario genere.
•Promozione del progetto “lascia un segno” nel quale gli studenti pubblicheranno frasi motivazionali in un’apposita area, le quali rimarranno come incoraggiamento ai futuri studenti dell’Istituto.
•Promozione dell’annuario scolastico, nel quale verranno inserite, su consenso degli studenti, le foto di ogni classe dell’anno scolastico 2015/2016.
•Promozione dell’utilizzo della biblioteca scolastica.
•Apertura, previa richiesta al dirigente scolastico, di un ristretto spazio fumatori riservato ai soli alunni maggiorenni.
•Richiedere al dirigente scolastico una modifica parziale del sistema adottato quest’anno dal regolamento scolastico in materia del servizio fotocopie.
•Promozione del concorso ”Miss Battisti 2016″.
Gli obiettivi della “Lista della Spesa”, il cui motto è “La buona scuola siamo noi”, possono essere così riassunti:
•Formulazione di proposte concrete che aprano nuovi orizzonti all’Istituto per dare spazio a collaborazioni tra scuola ed enti locali al fine di migliorare la preparazione professionali degli studenti.
•Organizzazione di assemblee d’Istituto che possano essere ricordate come occasione di divertimento e di apprendimento e realizzazione di tornei sportivi.
•Risoluzione e mediazione di eventuali situazioni problematiche all’interno dell’Istituto.
•Creazione di un apposito spazio dedicato all’acquisto, alla vendita e allo scambio di libri usati.
•Organizzazione di un ballo di fine anno per il triennio.

Oltre alle due liste per il consiglio d’Istituto sopra elencate, si sono presentate anche quelle per la Consulta Scolastica Provinciale. In questo caso le due liste erano: “Carpe diem”, formata da Alberto Andreoli e Roxana Postolachi (il cui motto è “Ognuno di noi ha bisogno di un eroe: noi siamo qui per questo…”) e “Forza Battisti”, formata da Andrea Podavini e Denis Myrtaj (il cui motto è “Abbiamo fermato la settimana corta: dateci fiducia”).
Sfortunatamente non ci sono pervenute informazioni riguardanti gli obiettivi della lista “Carpe diem” per cui siamo in grado di presentare solo la lista “Forza Battisti” le cui promesse sono:
•Rappresentanza attiva in provincia.
•Coinvolgimento diretto degli studenti.
•Proposte di attività culturali tra qui giornata dell’arte e book-trailer.

Le elezioni rappresentano per la vita della scuola un momento di confronto, di dibattito e di democrazia. Possono essere una “palestra” di educazione civica. Vista la maggiore partecipazione che si è avuta quest’anno sia da parte degli alunni che si sono proposti all’interno delle liste, sia da parte degli elettori, auspichiamo che ciò sia solo l’inizio di un nuovo modo di essere a scuola.

Awa Thioube & Arianna Capoferri

» Nascondi

facebook1

 


Anna Mosca: professoressa sul podio.

Le rivelazioni della professoressa Anna Mosca in veste di atleta.foto di BattistiNews.

Da insegnante a campionessa. Anna Mosca, insegnante di educazione fisica nell’ istituto ITCG Cesare Battisti di Salò, visto il suo passato da podista, ha partecipato nell’Ottobre del 2015 agli Eurpean Masters Games svoltisi a Nizza, e con un tempo di 1 h e 50’ si è aggiudicata la medaglia di bronzo classificandosi terza di categoria. La mezza maratona è una specialità sia maschile che femminile dell’ atletica leggera, una gara di corsa su strada, della distanza di 21.0975 km, spesso chiamata impropriamente ”maratonina”, termine diminutivo che definisce una generica corsa di lunghezza inferiore a quella della ben più nota maratona di 42 km. Abbiamo rivolto alla professoressa Mosca alcune domande:

» Continua a leggere...


– Che tipo di preparazione atletica comporta questo sport?
«Nulla si improvvisa, bisogna allenarsi costantemente, come in ogni cosa infatti, per ottenere buoni risultati bisogna fare grandi sacrifici.
Nel mio caso, alternavo allenamenti pomeridiani a quelli mattutini per i quali ero solita svegliarmi presto ed iniziare la giornata con una corsa, per poi andare a scuola.
Nel periodo prossimo alla gara, al fine di aumentare il carico di lavoro, correvo per 16/18 Km almeno tre volte alla settimana».

– Qual è stato il suo tempo personale? Chi ha vinto la gara? E con quale tempo?
«Nella Mezza Maratona il mio tempo è stato di 1 h 50’ , non il mio record personale, ma comunque un risultato soddisfacente. Credo che nello sport siano fondamentali la passione e l’impegno, proprio per questo nelle categorie master è ancora più bello partecipare.
Il titolo è stato vinto da un’atleta russa che ha completato la gara in 1 h 30′, vincitrice in assoluto di tutte le categorie femminili.»

– I giovani sotto i vent’anni si avvicinano a questo sport? Quali consigli si sente di dare a chi vuole allenarsi per partecipare a questo tipo di specialità?
«I giovani ormai, si stanno allontanando sempre più dallo sport, specialmente gli adolescenti. Superata l’adolescenza capiscono l’importanza dello sport e solamente allora, iniziano a praticare delle attività.
I consigli che mi sento di dare a chi vuole allenarsi per partecipare a questo tipo di specialità sono: in primo luogo condividere con qualcuno l’allenamento in una prima fase iniziale, poi, trovata la giusta strada, si possono continuare gli allenamenti anche da soli; l’ideale è percorrere sempre percorsi diversi per avere un maggiore stimolo, ed infine, fare un buon allenamento in situazioni, per quanto riguarda il percorso, anche dal punto di vista paesaggistico, favorevoli, visto che sono allenamenti lunghi e faticosi.»

– Cosa prova quando corre?
«Innanzitutto è molto importante stare bene con se stessi prima di iniziare un allenamento o una gara, perché se si sta bene, di conseguenza si corre anche bene. Quando corro le sensazioni che provo sono diverse e dipende molto anche dalle occasioni in cui mi trovo. Ad esempio, a volte, è un vero sfogo la corsa, altre volte invece, la voglia è pari a zero, però alla fine la soddisfazione che si prova terminata una corsa è sempre grande! Se ripenso alla maratona di New York nel 2010, l’emozione è stata incredibile. C’era un pubblico che mi faceva sentire a casa e faceva il tifo per me, pur non conoscendomi, e io non potevo far altro che esaltarmi!»

– Pratica altri sport?
«Nella mia vita ho praticato diversi sport, per quanto riguarda l’ atletica: corsa veloce, staffetta e ostacoli; mi è sempre piaciuta anche la pallacanestro inoltre ho svolto alcune regate. Altri sport come sci e ciclismo li pratico per diletto».

– Le scuole italiane e lo sport, un rapporto difficile e da migliorare: quali sarebbero a Suo parere le più urgenti e fattibili iniziative da mettere in atto?
«In Italia il rapporto scuola-sport, non è dei migliori. A mio parere, bisognerebbe aumentare le ore di educazione fisica fin dalle scuole elementari, prendendo spunto dai modelli statunitensi, nei quali lo sport è posto come base dell’ apprendimento, avvalendosi soprattutto di maestri e professori competenti e specializzati. Trasmettere il valore dello sport e la cultura del movimento è fondamentale per far comprendere agli studenti e ai giovani in generale, come l’attività fisica faccia stare bene e non debba essere qualcosa di imposto.»

– Quali sono gli obiettivi futuri?
«Tra i miei obiettivi inserisco sicuramente il fatto di mantenermi allenata costantemente sempre e comunque, e perché no, andare ai Campionati Mondiali Master di Oakland fra due anni!»

Tommaso Signorini & Stefania Scalvini

» Nascondi

 

 

facebook1

 


 

COMUNICATO STAMPA

L’Istituto ITS Battisti si apre al territorio.

immagine

La scuola apre le porte prevalentemente ai ragazzi di terza media con l’obiettivo di esporre i diversi percorsi formativi, educativi e le attività extracurricolari svolte al suo interno.

Nel corso del pomeriggio verranno presentati da professori e studenti i principali percorsi di specializzazione nel settore economico:

  • Amministrazione, finanza e marketing
  • Turismo
  • Relazioni internazionali per il marketing (dal terzo anno)
  • Sistemi informativi aziendali (dal terzo anno)

Mentre nel settore tecnologico sono presenti:

  • Costruzione ambiente e territorio
  • Chimica, materiali e biotecnologia

» Continua a leggere...


Tra le attività che verranno illustrate ci sarà anche uno spazio dedicato al nuovo progetto “Professione Giornalista” che ha visto la creazione di un ufficio stampa della scuola composto da alcuni studenti.

Battisti News ha come obiettivo la raccolta e la diffusione di notizie riguardanti la scuola e funziona come un vero e proprio “ufficio stampa” con settori operativi diversi (segreteria, scrittura, social, grafica, foto/video).

Vi aspettiamo numerosi!!

Per info e suggerimenti è possibile contattarci:

E-mail: battistinews2015@gmail.com

Redazione: 3388458053

Facebook: BattistiNews

Per contattare l’Istituto 0365 41213

» Nascondi

 

 

facebook1

 


Articoli stampa sul BattistiNews

Teline V    


Volontari per il futuro
Associazioni a scuola per reclutare nuovi “talenti”

A lezione di soccorso. Durante la mattinata di giovedì 15 ottobre presso l’auditorium dell’Istituto CESARE BATTISTI di Salò, si è tenuto un incontro informativo dell’associazione di pubblica assistenza Valtenesi-Soccorso e dell’associazione Pronto Emergenza rivolto agli studenti.

I volontari hanno presentato le loro associazioni, soffermandosi sulla loro storia, sulle loro caratteristiche, sui loro obiettivi e soprattutto su come entrare a farne parte. Infine hanno ricordato il numero unico di emergenza, il 112.
“PRONTO EMERGENZA” nasce nel 1976 da pochi volontari dell’Avis di Odolo-Preseglie , al fine di avere un mezzo di soccorso nel territorio. (Per info: 0365826210)

“VALTENESI-SOCCORSO” nasce nel 1992 da un gruppo di 20 volontari, chiamato Moniga Soccorso, che nel 1993 è entrato a fare parte del nucleo del 118. Dal 2005 la sede si trova a Manerba. (Per info: 380242932)
Come si entra a far parte di queste associazioni?
Bisogna avere capacita psicofisiche e psicomotorie, un’età compresa tra i 18 e i 75 anni, frequentare due corsi di specializzazione in diverse materie, i quali vengono certificati tramite il superamento di alcuni esami al termine dei corsi stessi.

» Continua a leggere...


Per concludere l’incontro informativo, un volontario ha spiegato l’importanza del numero unico di emergenza, il 112.
E’ un numero attivo anche a livello europeo, è una console di primo livello che ha il compito di filtrare le chiamate e inoltrare le più importanti a console di secondo livello, come Carabinieri, Polizia, Vigili del fuoco, Soccorso sanitario. Il 112 ha tre centrali, Milano, Brescia, Varese e inoltre ha anche una propria applicazione gratuita, chiamata “Where are you”, che si può utilizzare per contattare il 112, che rileva anche, grazie all’app, la tua posizione.
Quindi si può dire che la risposta del 112 è sicura, rapida e soprattutto competente.

In seguito si è tenuta, nel cortile dell’Istituto, una dimostrazione su come agiscono i volontari, quando si trovano di fronte a un incidente stradale. In questo caso si è simulato lo schianto tra un’automobile e una motocicletta, in cui il passeggero dell’auto ha perso i sensi mentre gli altri coinvolti sono coscienti.
I volontari hanno spiegato che bisogna, prima, valutare la situazione e il pericolo in cui versano i soggetti coinvolti, poi soccorrere la persona che si trova nella situazione più grave, infine soccorrere le persone nelle situazioni meno gravi.

I volontari, con estrema delicatezza, hanno mostrato come estrarre il corpo di un passeggero incosciente e come assicurarlo a una barella, per poi portarlo nell’ambulanza. In seguito hanno estratto il corpo di un conducente in stato cosciente che è stato legato alla barella e tramite un procedimento, chiamato abbattimento , è stato messo a terra e poi portato nell’ambulanza.
I volontari a questo punto si sono concentrati sull’altro passeggero, che era illeso, ma i volontari per sicurezza lo hanno messo sulla barella e portato nell’ambulanza.

Poi i volontari hanno mostrato come si soccorre il conducente della moto. Particolare attenzione è stata riservata alla rimozione del casco e all’immobilizzazione del capo.
I volontari hanno così evidenziato come si deve agire in situazioni di incidenti stradali, ma soprattutto hanno anche insegnato manovre e tecniche di sicurezza. Se volete approfondire l’argomento basta contattare le due associazioni e iniziare i corrispettivi corsi di formazione.

Ricordate; il mondo ha bisogno di persone competenti a salvare la vita agli altri, quindi non esitate ad iscrivervi.
“Se si sogna da soli è solo un sogno, se si sogna insieme è la realtà che comincia”.
Questa è la “filosofia” dei nostri volontari.
Grazie Volontari!
Alessandro Facchetti
Kristiana Kita

» Nascondi

 

4 comments to BattistiNews

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.